Onde d’urto a bassa intensità, nuova frontiera per la disfunzione erettile

Il Viagra non è più l’unica opzione all’impotenza maschile: il Dr. Andrea Russo utilizza le onde d’urto per curare la disfunzione erettile

Negli anni le terapie contro la disfunzione erettile si sono evolute ben oltre il semplice e conosciuto Viagra, andando nella direzione di nuove tecnologie. «La terapia con onde d’urto a bassa intensità – spiega infatti il Dr. Andrea Russo, direttore del Centro di Urologia Avanzata a Milano e Saronno – permette di trattare la maggior parte dei problemi vascolari alla base dell’impotenza maschile. La grossa differenza tra rimedi come il Viagra e le onde d’urto, è che i farmaci rendono l’uomo in parte “schiavo” della programmazione del rapporto sessuale, mentre le onde d’urto permettono di ringiovanire i tessuti del pene, ristabilendo le fisiologiche erezioni. Quando il problema è dovuto a disfunzioni vascolari lievi o moderate – precisa ancora lo specialista in Urologia ed Andrologo – le onde d’urto danno ottimi effetti, con fino al 70% di risultati mantenuti a due anni dalla terapia. Con le onde d’urto si ripristina la funzionalità dell’erezione, in questo modo non è più necessario programmare i rapporti ed il problema viene curato e non trattato in modo transitorio come nel caso del Viagra». Il Dr. Andrea Russo è stato inoltre eletto, sulla base delle recensioni dei pazienti, il miglior urologo e andrologo italiano del 2019 dal portale miodottore.it. Info: tel. 334 3471726, www.cura-avanzata.it