Login

Partner dei più importanti editori italiani, da oltre 20 anni

Mani solide, esperte e certificate nell’era delle sanificazioni

In un momento di incertezze, in un settore strategico per la ripartenza del Paese, c’è chi da un secolo offre professionalità e competenza

È partita la Fase 2 e il Paese si sta confrontando con una nuova esigenza: le sanificazioni e disinfezioni di ambienti di lavoro, centri commerciali, mezzi di trasporto e luoghi di culto. Un servizio che prima della pandemia era considerato saltuario, oggi diventa il pane quotidiano per imprenditori e cittadini. Ci sono più di due miliardi di metri quadri di superfici riaperte al pubblico da sanificare, grazie a etanolo, perossido d’idrogeno, ipoclorito di sodio e presìdi medico-chirurgici di cui in molti, fino ad oggi, ignoravano l’esistenza. In molti stanno provando a cavalcare questo business: tutti alle prese con ripartenze e riaperture, tutti (o quasi) alle prese con le sanificazioni, e c’è il rischio che in molti casi il “fai da te” possa prendere il sopravvento. Dalle associazioni di categoria del settore comunicano che in queste settimane elettricisti, imbianchini e farmacisti si iscrivono alla camera di commercio e si improvvisano sanificatori. In molti ritengono che sanificare sia un’attività semplice e innocua. Ma la normativa vigente − oltre che il buon senso − impongono che ad occuparsi delle disinfezioni sia personale altamente qualificato con presìdi medico-chirurgici e macchinari specifici. I nuovi sanificatori improvvisati propongono prezzi competitivi. I presìdi medico-chirurgici arrivano a costare anche 6 volte tanto rispetto ai disinfettanti comuni come la candeggina. È una questione di salute pubblica, oltre che di difesa dell’ambiente. I disinfettanti utilizzati in questi procedimenti, infatti, possono risultare altamente inquinanti, e devono essere diluiti, utilizzati e smaltiti con rigorose procedure e alta competenza. Non è un lavoro per tutti. In questa giungla di improvvisati, in quello che è un settore strategico per la ripartenza del Paese, ci sono anche aziende che hanno fatto del cleaning e delle sanificazioni la propria professione, da quasi cent’anni. È il caso de La Lucente S.p.A., la più longeva società italiana attiva nel campo del global service e dei servizi integrati per l’ambiente e la salute, nonché leader in Italia nel suo mercato di riferimento, che sta adottando con successo tecnologie all’avanguardia per la prevenzione e il contenimento da Covid-19. Un team di esperti, sempre propositivo e in costante aggiornamento, è stato dedicato all’emergenza Covid-19, per agevolare i numerosi clienti nelle pratiche di sanificazione e disinfezione. «Tra le metodologie che stiamo adottando con i risultati migliori c’è la nebulizzazione per atomizzazione elettrostatica – spiega Claudia Pollicoro, country manager e coordinatrice del team Covid della società – L’impiego di questa tecnologia permette di sfruttare il principio di attrazione tra le cariche. L’atomizzatore carica elettrostaticamente le particelle di prod\otto disinfettante che entrando in contatto con le superfici, vi aderiscono in maniera stabile, prolungando nel tempo l’efficacia della sanificazione. Grazie alla nebulizzazione le particelle sprigionate nell’ambiente riescono ad aderire a tutte le superfici, anche nei punti non facilmente raggiungibili con le attrezzature standard. Gli interventi vengono eseguiti in totale sicurezza da personale esperto e formato, con strumentazioni innovative e all’avanguardia e sono accompagnati da una certificazione da esporre nell’ambiente sanificato. Inoltre la nostra azienda possiede tutti i requisiti per l’ottenimento del credito d’imposta pari al 50% del corrispettivo degli interventi svolti e alla fine di ogni sanificazione viene rilasciata idonea certificazione a norma di legge. Per questo siamo il partner ideale e al servizio di chi non vuole improvvisare sul delicato tema delle sanificazioni». «In questi mesi di emergenza Covid, La Lucente S.p.A. ha perseguito una serie di azioni al fine di garantire il miglior servizio ai propri clienti – ci spiega il responsabile di produzione Marco Campetta – Abbiamo intrapreso la riorganizzazione, lo sviluppo e gestione dei magazzini locali per far fronte alle eventuali necessità o carenza dei presìdi medico-chirurgici; abbiamo provveduto ad una re-distribuzione delle squadre altamente formate su tutto il territorio, in modo da garantire interventi tempestivi in tutta Italia; ci siamo dedicati in particolar modo agli investimenti per garantirci le migliori e più innovative attrezzature dedicate alle sanificazioni e decontaminazioni. Siamo quindi in grado di offrire soluzioni differenziate e customer oriented, a seconda delle specifiche esigenze dei nostri interlocutori, tutte in assoluta osservanza del protocollo e della normativa vigente. Inoltre la nostra professionalità passa da una grande attenzione alla formazione e alla tutela dei nostri operatori, con aggiornamento continuo del DVR e dei documenti formativi rivolti a tutti i dipendenti per le linee guida Covid-19». La Lucente S.p.a. sta per tagliare il prestigioso traguardo del secolo di attività. Una storia d’impresa che ha attraversato i decenni, con la famiglia Volpe a tenerne ancora oggi saldamente le redini. Nata a Bari nel 1922 e tramandata di padre in figlio da tre generazioni, si confronta oggi con ampi scenari nazionali e internazionali. La competenza nel facility management è al servizio delle imprese e della collettività nel rispetto di un sistema di valori che la contraddistingue sul mercato nazionale: rispetto dell’ambiente, massima attenzione alle normative a tutela della sicurezza e della salute del pubblico e degli operatori, costante aggiornamento delle competenze, delle certificazioni e delle tecniche utilizzate. L’azienda vanta inoltre una struttura operativa capillare su tutto il territorio nazionale, con 13 sedi e oltre 3000 dipendenti.