Categoria:

Te.Co.M. Risponde alla sfida più grande con le armi più efficaci: lavoro, passione e dedizione

Nei giorni in cui il governo discute del Piano Nazionale di ripresa e resilienza, e nell’anno in cui quest’ultimo termine è stato, per vari motivi, inflazionato, vale la pena soffermarsi su chi resiliente lo è stato per davvero, e lo ha fatto rimanendo fedele a se stesso. L’anno scorso in questo periodo avevamo introdotto la Te.Co.M. Srl come una realtà solida del territorio toscano: nata 30 anni fa, cresciuta, evoluta e modernizzata, stava guardando al futuro con la speranza di chi sa che sta andando nella giusta direzione.

 

Ne avevamo descritto brevemente l’evoluzione societaria, con la progressiva riduzione dei soci fino al solo Gentilesca Mario e all’ingresso, negli ultimi 5 anni, di suo figlio Tommaso. Sinceramente credevamo che sarebbe stato l’unico articolo sull’azienda empolese: meritato, per carità, ma cos’altro potevamo approfondire?
Mantenendo i contatti anche nel periodo più buio, invece, ci siamo resi conto che valeva la pena introdurre un’ulteriore riflessione: come ha fatto la Te.Co.M. a sopravvivere al covid? E, soprattutto, può tracciare la via per chi si trova spaesato in mezzo a questo marasma pandemico?

 

A nostro parere si, ed è il motivo per cui siamo tornati da loro.

 

Mario e Tommaso non hanno fatto altro che rimanere coerenti, evitando di impantanarsi in guerre fratricide sui prezzi e garantendo la qualità e la velocità di sempre; hanno avuto fiducia in quello che facevano e, non senza paura, hanno deciso di resistere con l’unica arma che avevano a disposizione: il lavoro. Dedizione, competenza e qualità li hanno tenuti a galla nella tempesta, e adesso permettono loro di guardare al futuro con serenità ritrovata e con una certezza: la Te.Co.M. sarà sul mercato più solida, e resiliente, di prima.

 

Info: www.tecom-srl.eu