A Regalbuto la Banca di Credito Cooperativo con 98 anni di storia

Siamo in provincia di Enna, nell’entroterra della Sicilia. Qui, tra paesaggi campestri e strade tortuose, le imprese sono poche, i giovani diventano “fuori sede” già dalle scuole superiori, si sta sempre agli ultimi posti nelle classifiche sulla qualità della vita nelle province italiane. Proprio qui, è nata ed opera una delle più antiche Banche di Credito Cooperativo della Sicilia: La Riscossa di Regalbuto. Il Presidente, A. La Vignera, racconta: «il desiderio di riscatto, ancora vivo, è quello che ha portato i padri fondatori a costituire l’istituto di credito»; nel 1922, su iniziativa di alcuni regalbutesi, reduci dalla I Guerra Mondiale, nasceva la Cassa Agraria La Riscossa di Regalbuto, il cui nome è frutto di un acronimo: Lavoriamo Alacremente Risollevando I Soldati Che Operarono Senza Sperare Allori. Lavoro alacre e voglia di risollevare. Principi che, ora come prima, sono alla base dell’attività della Banca, oggi presente in 4 province siciliane (Enna, Catania, Messina e Siracusa) con 19 sportelli. I dati parlano di un cammino di crescita che dura da quasi un secolo: CET1 ratio 25%, patrimonio 51 mln, raccolta 397 mln, impieghi vivi 247 mln, NPL ratio 8% (dati 2020). Con oltre 22 mila clienti, la BCC di Regalbuto investe ogni giorno sul proprio territorio, in favore dei soci e delle comunità locali, attraverso un’offerta attenta alle persone e non mancando di operare secondo logiche di mutualità, condivisione e autonomia. L’appartenenza, dal 2017, al Gruppo Bancario Cooperativo Cassa Centrale ne ha esaltato l’efficienza, consentendole di continuare a operare come banca locale ora sempre più evoluta nell’offerta di prodotti e servizi, grazie a partnership con primari operatori: da NEXI (monetica) a Société Générale (leasing), fino a NEAM-NEF, Amundi, BlackRock, Franklin Templeton e Schroders (risparmio gestito).
Info: www.bccregalbuto.it