Guidi: nautica sostenibile, da sempre

Costruire accessori per le barche stando ai piedi del Monte Rosa potrà sembrare strano. Eppure è la storia della Guidi Srl, azienda di Grignasco (Novara) che produce valvole antiblocco, prese a mare, scarichi, filtri di depurazione acqua e raccorderia per la nautica.
Si tratta di pezzi realizzati in bronzo, ottone, alluminio, cromati o nichelati che sono impiegati nell’impianto di raffreddamento dei motori delle barche, dalle più piccole ai megayacht.
Ci troviamo in Valsesia, all’interno di un distretto industriale noto per la rubinetteria, pieno di realtà aziendali dinamiche e con vocazione internazionale, indipendentemente dalle dimensioni.
Quella della Guidi è da Pmi, con oltre trenta dipendenti, la presenza però è globale dal momento che i prodotti raggiungono 53 paesi in tutto il mondo. Guidi fornisce quasi tutti i maggiori cantieri nautici italiani ed internazionali, fra cui il gruppo Azimut-Benetti, il gruppo Ferretti, Sanlorenzo, Baglietto, ecc… Circa la metà della produzione viene esportata.

 

Serietà, passione, impegno, qualità e innovazione sono i valori che hanno consentito alla Guidi di svilupparsi dal 1968, anno della sua fondazione, a oggi, facendola affermare come uno dei marchi più apprezzati dell’accessoriato nautico Made in Italy.
E interamente Made in Italy sono anche i prodotti, quasi tutti progettati, disegnati e sviluppati internamente: i tredici brevetti di Guidi testimoniano il forte impegno verso l’innovazione e la ricerca, in un’evoluzione continua improntata all’innalzamento costante degli standard qualitativi.
L’azienda controlla l’intera catena di fornitura, dalle materie prime ai semilavorati al prodotto finito, assicurandosi che il processo che porta alla realizzazione degli articoli sia sempre completato in modo efficace e ecocompatibile.

 

Proprio per garantire un valore aggiunto sia ai clienti che ai fornitori Guidi ha intrapreso da tempo la strada della sostenibilità. È forte in Guidi la consapevolezza del ruolo che un’azienda ha in ambito economico, sociale ed ambientale, e degli impatti che può avere sul territorio: per questo ha scelto di dotarsi anche di strumenti utili a misurarli.
Uno di questi è la certificazione, che Guidi considera un vero valore aggiunto e di cui ha deciso di dotarsi da tempo: l’azienda segue le certificazioni di sistema, come la UNI EN ISO 9001:2015 e UNI EN ISO 14001:2015 e le norme UNI che regolano il controllo per l’industria meccanica e la nautica da diporto. Per il metallo Guidi si è dotata della certificazione UNI EN 12164:2016, per il diporto della UNI EN ISO 9093:2021: l’azienda si attiene alle norme di sistema, a quelle tecniche e a quelle specifiche del
settore.

 

Lo sviluppo della Guidi prosegue con decisione ed entusiasmo: sono in corso infatti i lavori di ampliamento del sito di Grignasco, che consentiranno maggiori spazi a disposizione per produzione, magazzino e uffici e renderanno il servizio ai clienti ancora più veloce e puntuale.

 

Info: www.guidisrl.com

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Logistica e trasporti, le nuove misure del Decreto Energia a sostegno del settore
Che la logistica e i trasporti siano servizi fondamentali per ogni filiera produttiva è una certezza praticamente da sempre, ma durante i mesi più duri della pandemia la loro essenzialità si è manifestata in tutta la sua chiarezza anche ai comuni cittadini, che hanno potuto continuato ad usufruire di beni e prodotti grazie al lavoro […]
PNRR, un’occasione imperdibile per le imprese italiane
Le imprese italiane hanno bisogno di crescere. Il tessuto economico italiano è pieno di aziende all’avanguardia, innovative, competitive sui mercati interni ed esteri, ma non è ancora abbastanza: nel panorama complessivo della piccola e media imprenditoria si evidenzia la necessità di investire ulteriormente in tecnologia, in digitalizzazione, in sostenibilità.   Il Piano Nazionale di Ripresa […]