Fratelli Cosulich, crescita costante

Èancora possibile pianificare strategie, essere internazionali, diversificare il proprio business e crescere mantenendo in Italia il centro di controllo? La risposta è
“sì, è possibile”.
26 Paesi, 104 società, € 1.5 miliardi di fatturato con un CdA costituito, da generazioni, da una sola famiglia a capo dell’omonimo gruppo, il Gruppo Fratelli Cosulich. Nel 2022, il Gruppo Fratelli Cosulich raggiunge i suoi 165 anni di storia nel mondo dello shipping e della logistica. Nell’ultimo lustro ha acquisito asset e aziende per un valore ormai vicino ai 200 milioni di euro. Una su tutte, le prime due bunker tankers LNG in Italia, un investimento sostenuto dall’UE per un valore di 90 milioni di euro, ma anche acquisizioni di realtà di spicco del panorama logistico. Investimenti strategici che hanno avuto effetti positivi sull’EBITDA, in costante crescita ed ormai vicino ai 40 milioni di euro. Il suo Presidente e CEO, il Cavaliere del Lavoro Augusto Cosulich, descrive la ricetta vincente: «In un contesto competitivo complesso, è fondamentale credere. Crediamo nei nostri dipendenti, sono il nostro asset più importante. Crediamo nella comunicazione con i nostri clienti, costante, giornaliera, di persona. Se loro hanno dei problemi, noi vogliamo risolverli, lavorando insieme.

 

Crediamo nell’evoluzione del settore della logistica, investendo in asset fisici, ma anche in strumenti digitali che facilitano la lettura in tempo reale del business per prendere decisioni rapide e corrette. Rispetto ai fondi, crediamo negli investimenti a lungo termine, senza cercare il ritorno immediato. Reinvestiamo gli utili per crescere. Noi crediamo nella crescita». Il Gruppo Fratelli Cosulich negli ultimi anni è entrato con investimenti importanti in diversi ambiti: nel settore steel ha concretizzato collaborazioni con società leader mondiali, con le quali si sono trovate nuove soluzioni logistiche che hanno portato alla nascita di una flotta di navi general cargo per il trasporto dell’acciaio dall’Est Europa al Mediterraneo. Il Gruppo si è poi rafforzato nel ramo spedizioni, fondando nuove società e acquisendo realtà storiche come Marlines S.r.l.. Ma la forza del Gruppo Fratelli Cosulich è soprattutto nella sua capacità di diversificare, acquisendo una quota rilevante della società Trasteel Holding SA, operante nello steel trading, che ha sotto di sé società chiave in Italia come Officine Tecnosider S.r.l. o Tamac S.r.l.. Il Gruppo Fratelli Cosulich è lanciato verso i suoi 170 anni con una convinzione che traspare dalle parole del suo Presidente: «Vogliamo diventare partner dei nostri clienti e creare insieme valore e ricchezza in un mondo pieno di opportunità da cogliere». E se queste sono le premesse, l’obiettivo sembra già vicino.

 

Info: cosulich.com

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Logistica e trasporti, le nuove misure del Decreto Energia a sostegno del settore
Che la logistica e i trasporti siano servizi fondamentali per ogni filiera produttiva è una certezza praticamente da sempre, ma durante i mesi più duri della pandemia la loro essenzialità si è manifestata in tutta la sua chiarezza anche ai comuni cittadini, che hanno potuto continuato ad usufruire di beni e prodotti grazie al lavoro […]
PNRR, un’occasione imperdibile per le imprese italiane
Le imprese italiane hanno bisogno di crescere. Il tessuto economico italiano è pieno di aziende all’avanguardia, innovative, competitive sui mercati interni ed esteri, ma non è ancora abbastanza: nel panorama complessivo della piccola e media imprenditoria si evidenzia la necessità di investire ulteriormente in tecnologia, in digitalizzazione, in sostenibilità.   Il Piano Nazionale di Ripresa […]