Grimet, una crescita esponenziale

Grimet nasce nel 2016 come realtà specializzata in barre e tubi in acciaio cromato per applicazione oleodinamica, ma l’esperienza su cui poggia ha radici molto più profonde: è dal 1969 che la famiglia Grigoli è attiva nel campo della lavorazione dell’acciaio e, generazione dopo generazione, ha acquisito un know-how di altissima specializzazione. Oggi i prodotti Grimet trovano uso in tutti i settori dell’industria che implicano movimentazione industriale, dai muletti alle macchine movimento terra, dalle gru alle pale eoliche nel termosolare, dalle sponde ribaltabili fino agli ammortizzatori e agli impieghi pneumatici.

In poco più di 5 anni di vita, la crescita di Grimet è stata esponenziale: con due stabilimenti attualmente attivi (a Verona e a Todi) e 130 dipendenti, la produzione dell’azienda si assesta su 5.000 tonnellate di acciaio al mese spedite a clienti sparsi in 45 Paesi del mondo, specialmente in Italia e in Europa. Dai 25 milioni del 2018, il fatturato è cresciuto a 57 milioni nel 2021, con una previsione di chiusura del 2022 a oltre 80 milioni.
Le ragioni di un tale successo vanno ricercate nell’esperienza, nella competenza e la dedizione della famiglia Grigoli. La presenza e l’impegno quotidiani dei titolari nel curare ogni dettaglio hanno coinvolto, anche dal punto di vista motivazionale, tutti i collaboratori, che costituiscono parte viva e attiva del progetto Grimet. Il gruppo – in produzione, nella dirigenza, nel reparto commerciale – è composto da professionisti di comprovata esperienza nel settore, che hanno saputo fin da subito offrire alla clientela un pacchetto di elevato livello qualitativo sotto tutti i punti di vista: prodotto, servizio, partnership, assistenza, comunicazione.

Il fattore umano è molto importante per Grimet, sia nel rapporto e nella comunicazione con i clienti (che l’azienda preferisce definire “partner”), sia nell’ambito interno, tra i collaboratori. È un approccio che sta dando i suoi frutti poiché Grimet, nonostante la difficile congiuntura, sta ottenendo ottimi riscontri dal mercato proprio grazie alle partnership sviluppate in questi pochi anni di vita. La convinzione di Grimet è che le crisi si superino molto meglio insieme, ragione per quale dà la massima importanza alla sinergia e alla bidirezionalità dell’accoppiata fornitore-cliente. La partecipazione alla fiera Tube di Düsseldorf si inserisce in quest’ottica: rafforzare ulteriormente i rapporti già in essere, stringere nuove partnership, dare un segnale positivo al mercato.

Il progetto Grimet, d’altra parte, non si ferma: l’azienda ha recentemente acquisito una vasta area in provincia di Rovigo che permetterà al gruppo di espandere ulteriormente l’attività e diversificare ulteriormente l’offerta di prodotti siderurgici. Info: grimet.com

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Logistica e trasporti, le nuove misure del Decreto Energia a sostegno del settore
Che la logistica e i trasporti siano servizi fondamentali per ogni filiera produttiva è una certezza praticamente da sempre, ma durante i mesi più duri della pandemia la loro essenzialità si è manifestata in tutta la sua chiarezza anche ai comuni cittadini, che hanno potuto continuato ad usufruire di beni e prodotti grazie al lavoro […]
PNRR, un’occasione imperdibile per le imprese italiane
Le imprese italiane hanno bisogno di crescere. Il tessuto economico italiano è pieno di aziende all’avanguardia, innovative, competitive sui mercati interni ed esteri, ma non è ancora abbastanza: nel panorama complessivo della piccola e media imprenditoria si evidenzia la necessità di investire ulteriormente in tecnologia, in digitalizzazione, in sostenibilità.   Il Piano Nazionale di Ripresa […]