Marco SpA: l’high-tech nella nautica

L’innovazione 4.0 è una rivoluzione che abbraccia pressoché ogni tipologia di impresa e d’industria. Nel settore della nautica, c’è un’azienda italiana il cui valore e la cui importanza nei mercati di riferimento sono dati riconosciuti tanto in patria quanto all’estero: la bresciana Marco SpA, fondata nel 1970 da Giovanni Marco Franceschini e specializzata nella produzione di pompe ed attrezzature di segnalazione acustica e luminosa per applicazioni nel campo della nautica, ma anche dell’automotive e di ancora altri comparti dell’industria.

 

Che Marco SpA sia una realtà in crescita è testimoniato anche da un importante riconoscimento che ha di recente conseguito: «Lo scorso settembre siamo stati selezionati – spiega Paola Franceschini, responsabile gestione finanziaria – fra le Imprese Vincenti 2021, il programma di Intesa Sanpaolo che valorizza le eccellenze imprenditoriali italiane. Siamo stati premiati nell’ambito della digitalizzazione, un risultato che ci ha resi particolarmente orgogliosi poiché puntiamo molto sulla tecnologia». Marco SpA, infatti, ha da anni intrapreso un percorso di innovazione che ha ulteriormente consolidato la propria posizione quale attore di primo piano nel settore dei componenti per la nautica e l’automotive: «I nostri investimenti – prosegue la Dott.ssa Franceschini – sono rivolti essenzialmente in due direzioni. Da un lato, abbiamo potenziato le infrastrutture digitali della nostra sede, per snellire ed efficientare i processi operativi e favorire laddove possibile il lavoro agile, a distanza, in sicurezza. Dall’altro, il nostro obiettivo è di renderci il più possibile indipendenti da fornitori esterni, motivo per il quale abbiamo acquistato una nuova linea di rotori e, più in generale, diamo massima importanza all’aggiornamento tecnologico dei nostri componenti».

 

I risultati non sono tardati ad arrivare: Marco SpA è ormai partner di riferimento di tante realtà in giro per il mondo, specialmente in Inghilterra, Francia, Germania, Stati Unti, Asia e Nord Africa, oltre che in Italia.
«Nonostante le difficoltà del 2020, il nostro fatturato si è mantenuto per lo più costante sia nel periodo della pandemia, sia durante l’anno successivo, e anche l’export ha continuato a darci soddisfazioni, mantenendo volumi costanti sin dal 2018».

 

Le ragioni di tali risultati vanno ricercate sia nella grande esperienza e specializzazione che Marco SpA ha maturato in più di cinquant’anni di attività, sia nella nuova linfa portata dalla terza generazione della famiglia Franceschini; oggi, Marco SpA è in grado di produrre ogni anno oltre 300.000 segnalatori acustici e oltre 50.000 pompe, numeri che rendono evidente lo sviluppo esponenziale di un’azienda ormai punto di riferimento globale per la nautica e l’automotive.

 

Info: www.marco.it

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Logistica e trasporti, le nuove misure del Decreto Energia a sostegno del settore
Che la logistica e i trasporti siano servizi fondamentali per ogni filiera produttiva è una certezza praticamente da sempre, ma durante i mesi più duri della pandemia la loro essenzialità si è manifestata in tutta la sua chiarezza anche ai comuni cittadini, che hanno potuto continuato ad usufruire di beni e prodotti grazie al lavoro […]
PNRR, un’occasione imperdibile per le imprese italiane
Le imprese italiane hanno bisogno di crescere. Il tessuto economico italiano è pieno di aziende all’avanguardia, innovative, competitive sui mercati interni ed esteri, ma non è ancora abbastanza: nel panorama complessivo della piccola e media imprenditoria si evidenzia la necessità di investire ulteriormente in tecnologia, in digitalizzazione, in sostenibilità.   Il Piano Nazionale di Ripresa […]