PEF: dal 2004 per un futuro sostenibile

PEF S.p.A., acronimo di Progetto Energia Futura, prende forma nel 2004 da un’idea di Antonio Belsole e nasce ufficialmente nel 2006 anticipando in gran parte una domanda, al tempo poco espressa, di efficientamento e risparmio energetico.

In questi suoi anni di storia l’Azienda ha percorso una lunga strada rinnovandosi e ponendosi sempre nuovi obiettivi, fino ad arrivare a oggi a essere una delle principali Aziende di vendita diretta riconosciute da Avedisco.

Fin dai suoi albori PEF S.p.A. inizia a gettare le basi per quella che diverrà l’attuale esperienza nel campo dell’energia e dell’efficientamento, cavalcando l’onda degli incentivi statali precedenti al 110% e costruendo una rete commerciale di vendita diretta, composta a oggi da oltre 3000 incaricati, che si è mostrata da subito efficiente nella stipula dei contratti per l’Ecobonus. Questo ha permesso nel 2021 al gruppo PEF di triplicare il fatturato rispetto all’anno precedente, per un ammontare di 30 milioni di euro (che si prevede avrà almeno un raddoppio nel 2022).

Il forte aumento della domanda, che ha generato di conseguenza un’espansione aziendale e un ampliamento dell’organico, ha portato la necessità negli ultimi due anni di costituire una nuova società di ingegneria: PEF Engineering.

Oggi PEF ha diverse aziende collegate con partecipazioni di maggioranza in capo al fondatore Antonio Belsole. Da qui l’esigenza di attuare un piano che porterà alla costituzione di una Holding finalizzata a trasformare PEF in un gruppo industriale e commerciale con la mission di fornire energia verde e garantire opportunità di risparmio a famiglie e aziende.

Le direttrici di sviluppo per il raggiungimento di questi obiettivi sono state individuate in tecnologie di smart home, smart business e comunità energetiche, con l’idea di sfruttare l’esperienza acquisita anche per una futura espansione internazionale, a oggi rimandata a causa del Covid.

PEF si apre inoltre alla possibilità di una quotazione con orizzonte a 4-5 anni a partire dalla costituzione del Gruppo.

Per sostenere i programmi di lavoro in essere, è stato già emesso un primo Green Bond da 4.340.000 euro, interamente sottoscritto da investitori francesi, strutturato con la consulenza legale dello Studio Cappelli, tra i più importanti in Italia per le obbligazioni, e con la consulenza della Boutique di finanza Zero Capital di Milano.

Tutte soluzioni in vista di un futuro migliore non solo per PEF, ma anche e soprattutto per il patrimonio ambientale, che la transizione ecologica vuole salvaguardare e per il quale PEF si è già messa in azione da anni. Info: www.pefitalia.com

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Nuova emergenza energetica: l’Italia e l’Europa spingono sulle fonti rinnovabili
Guerra ed energia   Fra le tante conseguenze della drammatica guerra in Ucraina c’è la presa di coscienza, da parte di molti Paesi europei, della necessità di ridurre la propria dipendenza dalle fonti di energia tradizionali, visto che buona parte degli acquisti in tal senso sono effettuati con la Russia, dalla quale l’Europa occidentale si […]
Dal Green Building allo Smart Building, i nuovi trend dell’edilizia sostenibile
  Costruire “verde”: un principio nuovo ma non troppo   “Green Building” è una definizione che è diventata di uso comune in tempi relativamente recenti, ma che ha radici molto più lontane: è fin dagli anni ‘70 – periodo in cui iniziò a diffondersi una nuova sensibilità in merito all’ecologia e all’inquinamento – che si […]