Gitis: la nostra visione da leader

Molte imprese sono nate dal coraggio e dalla lungimiranza di persone ingegnose, a volte anche audaci nel tentare azioni rischiose con pochissimi mezzi. Proprio così nasce Gitis Srl, produttore internazionale di guarnizioni in gomma e particolari a disegno. Fondata nel 1979 dal Luigi Parzani insieme alla moglie Rosanna, situata nel distretto della Rubber Valley del Sebino, a Capriolo (Brescia).

 

Gitis si è proposta come uno dei pionieri dello stampaggio ad iniezione del fluoroelastomero, sul quale il fondatore, con oculatezza, si
specializzò.
A partire dagli anni ‘90, l’azienda si è arricchita di nuove forze famigliari, a cui il Sig. Luigi ha saputo trasmettere una visione manageriale, saldi valori, uno sguardo al futuro ed all’innovazione. Lo possono ben dire la primogenita Monica, Presidente e da oltre trent’anni Direttore Commerciale; Massimo Parzani AD, capo dell’azienda; la sorella Mara, Responsabile Contabile e Amministrativa; il fratello Pietro ultimo arrivato; ed Enrico a capo dell’impianto produttivo a Wuxi, in Cina, inaugurato nel 2015 per far fronte alla crescita dimensionale, alle nuove sfide globali e per organizzare al meglio i rapporti con i clienti asiatici.

 

Invece, per l’Europa si è aperto un ufficio di R&D di prodotti innovativi nei pressi di Stoccarda, Averis GmbH e da poco anche un ulteriore stabilimento produttivo a Capriolo.
«Uno dei nostri punti di forza è l’esperienza quarantennale che in un settore esigente come l’automotive, ci ha consentito di raggiungere livelli di perfezione nell’industrializzazione del nostro prodotto ed affrontare mercati con criticità nella regolamentazione come il food, pharma e le energie rinnovabili», precisa l’AD Massimo Parzani.
Per avvicinarsi a nuovi mercati, la chiave del successo è stata la materia prima d’eccellenza, l’essere in grado di soddisfare le singole richieste, attraverso la stretta collaborazione tra clienti e ufficio R&D, lo sviluppo interno di mescola e prodotto, l’analisi e produzione di elementi finiti complessi.
«Nell’ultimo periodo, abbiamo potenziato la sezione dell’azienda orientata allo sviluppo del prodotto nel raw material, per aumentare il valore aggiunto. Oltretutto, oggigiorno non è più solo il prodotto a fare la differenza, ma la gestione delle criticità e noi possiamo affermare di essere ai vertici in quanto a know-how. Il lockdown, ci ha offerto l’opportunità di aumentare la nostra attenzione nei confronti delle energie alternative, enfatizzando l’aspetto aziendale di problem solver ed ottenendo il miglior risultato in progetti complessi, grazie ad un team di lavoro di giovani e veterani affiatati che intrecciano le loro competenze e si completano per una visione dell’obiettivo aziendale comune».

 

Dunque, avanti tutta.

 

Info: www.gitis.it

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Logistica e trasporti, le nuove misure del Decreto Energia a sostegno del settore
Che la logistica e i trasporti siano servizi fondamentali per ogni filiera produttiva è una certezza praticamente da sempre, ma durante i mesi più duri della pandemia la loro essenzialità si è manifestata in tutta la sua chiarezza anche ai comuni cittadini, che hanno potuto continuato ad usufruire di beni e prodotti grazie al lavoro […]
PNRR, un’occasione imperdibile per le imprese italiane
Le imprese italiane hanno bisogno di crescere. Il tessuto economico italiano è pieno di aziende all’avanguardia, innovative, competitive sui mercati interni ed esteri, ma non è ancora abbastanza: nel panorama complessivo della piccola e media imprenditoria si evidenzia la necessità di investire ulteriormente in tecnologia, in digitalizzazione, in sostenibilità.   Il Piano Nazionale di Ripresa […]