uni 10351:2021 una guida al progetto

Brianza Plastica, di cui quest’anno ricorre il sessantesimo, realizza e fornisce prodotti di altissima qualità nel settore dei laminati in vetroresina e dell’isolamento industriale e civile. Forte del suo storico know-how e spirito innovativo, partecipa attivamente ai tavoli tecnici delle Associazioni di settore per l’edilizia, mettendo a disposizione la propria esperienza pluridecennale.
L’azienda crede fermamente nell’importanza della normazione, in modo da fornire riferimenti certi agli operatori del processo edilizio in tutte le sue fasi, dal prodotto, alla progettazione e finalizzazione dell’intervento. La norma UNI 10351:2021 sui materiali da costruzione fornisce il metodo per reperire i valori di riferimento per la conduttività termica, la diffusività del vapore ed il calore specifico dei materiali da costruzione sulla base della loro epoca di installazione.

 

La norma è importante in quanto fornisce una preziosa mappa ai progettisti per orientarsi nella selva dei prodotti da costruzione e, in particolar modo, nella scelta dei corretti valori di progetto dei materiali isolanti, argomento di notevole importanza in questo momento di piena attività del Superbonus. La norma divide i materiali con marcatura CE obbligatoria e certificazione CE volontaria: la differenza consiste nel fatto che, per un dato materiale, esista o meno una norma armonizzata. Se esiste una norma armonizzata, il produttore è obbligato a testare il proprio prodotto secondo quella norma e riportare sulla dichiarazione di prestazione (DoP) i dati seguendo le indicazioni di norma.
Per il mondo degli isolanti, il dato più rilevante è sicuramente quello della λD, valore di conducibilità termica ponderato, che tiene già in considerazione l’invecchiamento a 25 anni e che può quindi essere utilizzato dai progettisti senza essere maggiorato (a patto che le condizioni di applicazione del prodotto non siano troppo diverse dalle condizioni a contorno della prova). Gli isolanti in poliuretano, di cui la gamma ISOTEC di Brianza Plastica fa parte, rispondono alla norma armonizzata UNI EN 13165, che fornisce i metodi per testare i prodotti, sulla base dei quali stilare la dichiarazione di prestazione.

 

Il valore della conducibilità termica dichiarata di ISOTEC è di 0,022 W/mK, valore estremamente performante che permette di raggiungere trasmittanze di 0,18 W/m2K con soli 12 cm di spessore. Un altro aspetto fondamentale della norma è quello di distinguere i prodotti sulla base dell’epoca di posa, differenziando le fonti dalle quali reperire i dati di conducibilità, diffusività e calore specifico, a seconda che la posa sia avvenuta prima o dopo l’entrata in vigore della norma di prodotto armonizzata di quel materiale. La possibilità, offerta dalla norma, di scegliere il dato corretto, è anche tutela per l’utente finale, il cui progetto è pensato con dati il più possibile realistici, a prescindere dalle caratteristiche dello stesso. Info:

 

www.brianzaplastica.it

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Logistica e trasporti, le nuove misure del Decreto Energia a sostegno del settore
Che la logistica e i trasporti siano servizi fondamentali per ogni filiera produttiva è una certezza praticamente da sempre, ma durante i mesi più duri della pandemia la loro essenzialità si è manifestata in tutta la sua chiarezza anche ai comuni cittadini, che hanno potuto continuato ad usufruire di beni e prodotti grazie al lavoro […]
PNRR, un’occasione imperdibile per le imprese italiane
Le imprese italiane hanno bisogno di crescere. Il tessuto economico italiano è pieno di aziende all’avanguardia, innovative, competitive sui mercati interni ed esteri, ma non è ancora abbastanza: nel panorama complessivo della piccola e media imprenditoria si evidenzia la necessità di investire ulteriormente in tecnologia, in digitalizzazione, in sostenibilità.   Il Piano Nazionale di Ripresa […]