Login

Partner dei più importanti editori italiani, da oltre 20 anni

Banco Fiorentino: dalle moratorie alla Cig, al servizio di imprese e famiglie della Toscana

«Il ruolo di una banca, tanto più in un frangente complesso come quello attuale, è di garantire risposte immediate ai propri clienti, che siano privati o aziende». Non ha dubbi Davide Menetti, direttore generale del Banco Fiorentino Mugello Impruneta Signa, nel ribadire le linee d’azione alle quali si dovrebbero ispirare gli istituti di credito, e che hanno contraddistinto il Banco Fiorentino ancor prima del lockdown. Ecco perché, grande attenzione è stata prestata al tema dei finanziamenti e della cassa integrazione, andando incontro a privati e aziende. I dati più recenti (9 ottobre 2020) parlano di 2.681 moratorie, per un’esposizione lorda complessiva di circa 297 milioni di euro. Per la concessione di liquidità, tra consolidamento, nuova finanza e altre misure, sono state completate invece 1.221 operazioni, per un valore totale di 62 milioni di euro di nuovi finanziamenti. Insomma, più di ogni dichiarazione, sono i numeri a descrivere l’impegno profuso dal Banco Fiorentino a sostegno dei propri clienti e più in generale del territorio. Esemplare in questo senso è stata la decisione di sostenere la cassa integrazione di una realtà aziendale che si è trovata in concordato preventivo nel pieno del lockdown. Intervento che ha dato ossigeno a più di 20 dipendenti. «Il ruolo di chi fa banca – ribadisce Menetti – è quello di garantire risposte efficaci e tempestive. Ci si muove nel rispetto delle regole e di tutti i paletti previsti dalle normative, ma è proprio in questo modo che si possono aiutare e sostenere le realtà che ne hanno realmente bisogno». Info: www.bancofiorentino.it