BCC di Casalgrasso e Sant’Albano: dialogo diretto, investimenti ed efficienza contro il Covid

Un nuovo ufficio di rappresentanza a Castagnole Piemonte (Torino), il restyling di una delle quattro filiali presenti a Torino, la concessione di oltre mille moratorie sui mutui, l’incremento del numero di prestiti e finanziamenti a famiglie e imprese: così la Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura ha reagito all’emergenza. «Non si tratta di spavalderia o incoscienza, ma di fiducia nelle persone e nei loro progetti – spiega il presidente Alberto Osenda –. Da sempre crediamo nell’ascolto e nel dialogo diretto e continuo con soci e clienti, ciò genera un circolo virtuoso di sviluppo per il territorio». Ecco perchè, nel difficile periodo tra gennaio e giugno, la Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura è cresciuta ancora: quasi 75 milioni di euro il patrimonio (+3,3 milioni rispetto a dicembre) e un utile di 3 milioni in appena sei mesi. «Ne ha guadagnato anche la solidità, elemento qualificante della nostra gestione – dice Mauro Giraudi, direttore generale –. Tutti gli indicatori, come Cet1 capital ratio e Tier 1 capital ratio, sono saliti di due punti, arrivando al 22,39%».

Intanto prosegue la strategia «green» della Bcc: interventi strutturali nelle filiali e nella sede centrale di Carmagnola (pannelli fotovoltaici, efficientamento energetico, colonnine di ricarica per veicoli elettrici), supporto a soci e clienti per ecobonus su auto e ristrutturazioni. Senza dimenticare le consulenze in ambito patrimoniale, finanziario, assicurativo.

E l’integrazione operativa all’interno del Gruppo Cassa Centrale Banca, con l’adozione del nuovo sistema informativo, assicura più efficienza, più servizi e nuove opportunità di sviluppo. Info: www.banca8833.bcc.it