Login

Partner dei più importanti editori italiani, da oltre 20 anni

BCC di Castagneto Carducci

Da più di 100 anni punto di riferimento in sviluppo e stabilità

La Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci è la banca leader dell’Alta Maremma, fortemente radicata nei territori delle provincie di Livorno, Pisa e Grosseto e conta più di 4000 soci.

Una banca ultracentenaria, con una lunga tradizione fatta di solidità, oggi resa ancora più importante dall’ingresso nel gruppo bancario Cassa Centrale Banca, il primo ad aver ottenuto l’autorizzazione da parte della Banca Centrale Europea.

La Banca che opera su 23 sportelli e 25 sedi, conta 152 dipendenti – età media 41 anni, di cui la metà donne, ha da sempre considerato strategica la formazione – 6338 ore solo nel 2019 e l’innovazione, investendo risorse importanti in tecnologia informatica, con un Internet banking completamente rivisitato con l’aggiunta e l’implementazione di servizi come quelli relativi alle notifiche e prodotti come la nuova generazione di bancomat con funzioni di versamento intelligente, piattaforme attive 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, che, pensando anche alla situazione contingente, sono in grado di rispondere ad esigenze avanzate della clientela, cittadini e aziende.

Tutto ciò ha permesso alla banca, anche nel contesto difficile del 2020, di chiudere il primo semestre 2020 con un aumento degli impieghi a clientela di 37,9 milioni rispetto a fine 2019 e una crescita della raccolta diretta di 79 milioni (dato aggiornato a settembre) rispetto a dicembre 2019.

Numeri che testimoniano da una parte il sostegno al credito che la Banca riesce ormai storicamente ad assicurare al proprio territorio di riferimento, dall’altra, la percezione che la clientela depositante ha della banca di Credito Cooperativo come un intermediario sicuro, a cui affidare serenamente i propri risparmi.

L’utile del primo semestre 2020 è stato di 2,3 milioni di euro, che si va ad aggiungere ai Fondi propri stimati in 114,3 milioni di euro frutto di 110 anni di storia e di bilanci chiusi sempre con utili importanti e mai in perdita.

La Bcc ha inoltre registrato nel primo semestre 2020 un CET 1 al 14% che congiuntamente ai dati relativi al credito anomalo, agli accantonamenti contabilizzati a gli indici di efficienza indica la solidità e la sicurezza della banca stessa, tanto più se si considera che il CET 1 del gruppo Cassa Centrale Banca a cui la BCC appartiene – unica delle Bcc toscana – sfiora il 20%.

Questa stabilità ha permesso anche in tempi di emergenza Coronavirus che ha bloccato per mesi il Paese, sottolinea il DG Fabrizio Mannari, di dare risposte efficaci e tempestive, mettendo in campo la propria professionalità e perfezionando circa 2.300 moratorie per un capitale sospeso di 40 milioni di euro – che rappresenta quasi la metà delle rate in scadenza nel 2020 – ed erogando 1.200 finanziamenti (fino a 30.000 euro) liquidità a PMI per un totale di 24 milioni di capitale complessivo che è servito a dare una boccata d’ossigeno al tessuto locale delle piccole e medie imprese. Info: www.bcccastagneto.it