Bolmea, il gelato di Sardegna. La qualità e la bontà dell’isola pronte a spingersi all’estero

Il gelato della Sardegna, come orgogliosamente è definito Bolmea in virtù dei prodotti di eccellenza utilizzati, è pronto a conquistare l’Italia. E in futuro anche l’estero. È il progetto dei titolari del marchio dell’azienda Soffici Bontà srl, nato nel 2016 dal giovane imprenditore con curriculum bocconiano Marcello Muntoni insieme ad altri 4 soci. I gelati Bolmea sono realizzati con solo eccellenze territoriali: latte fresco al 100% sardo (come panna, yogurt e ricotta), acqua delle sorgenti locali (l’azienda di Tempio Pausania è posta alle pendici dei Monti del Limbara) insieme ad altri componenti selezionati. I gelati Bolmea, anche senza glutine, nascono con concezione artigianale ma sono realizzati in quantità industriale: il “gelato di Sardegna” prende vita in un laboratorio di ultima generazione dotato di macchinari all’avanguardia e altamente tecnologici. Altra caratteristica è il packaging, di cartone alimentare riciclabile, mentre i barattoli cilindrici ricordano i gelati Usa, rendendo più simpatico e pratico il prodotto. Lo stabilimento è sviluppato su 1.400 mq dove sono realizzati 120.000 kg di gelato l’anno. Gran parte del prodotto è distribuito nelle GDO sarde. Il resto è commercializzato in diversi punti vendita, come quello all’aeroporto di Alghero. Alla nascita i gelati di Bolmea erano distribuiti in 60 punti vendita, oggi saliti a oltre 1.040, con presenze significative in Toscana, Lazio e città come Milano, Torino e Genova. Un’espansione destinata a crescere, prova ne siano gli investimenti programmati nel 2019, pari a 1,5 milioni di euro, per aumentare la capacità produttiva e ampliare la gamma, con particolare attenzione alla linea benessere.
Info: www.bolmea.com

Soffici Bontà

produzione Gelato