Cemsa saldatura e automazione

èil 1976 quando uno degli attuali soci comincia la lunga marcia nel settore della saldatura a resistenza e dell’automazione ad essa applicata. Negli anni successivi, la società cresce e il suo mercato è da subito il mondo intero. Grazie a tecnici innovatori e una visione brillante, CEMSA presenta alla fine degli anni ‘70 alla allora Fiera Campionaria di Milano la prima puntatrice a resistenza a controllo numerico denominata ROBOROOF. Nel 2004 si apre anche l’opportunità di affiancare alla saldatura a resistenza, l’Elettroricalcatura, una preformatura a caldo che spesso precede lo stampaggio e che porta alla CEMSA nuovi sbocchi sul mercato.

 

Da allora è passato molto tempo, ma la voglia di innovare è rimasta nelle persone che si sono avvicendate ed hanno portato avanti la stessa brillate visione di allora. Il cliente ti cerca per risolvere un problema ed è questo che CEMSA fa; non progetta e costruisce macchine, ma vere e proprie soluzioni produttive. I mercati principali della società, anche se non gli unici, sono sempre stati quelli più esigenti in termini di automazione e avidi di tecnologia, l’Automotive, l’Aerospazio e l’industria del bianco. In questi settori si è sviluppata sempre di più un esigenza comune e trasversale negli oltre 120 paesi in cui CEMSA opera. Il monitoraggio del processo, la certificazione della qualità del pezzo saldato o elettroricalcato. Ecco quindi che potendo attingere dall’esperienze maturate nei mercati sopra citati, oggi CEMSA è in grado di sviluppare soluzioni che garantiscono la qualità, la tracciabilità e la ripetibilità del processo produttivo, con piena soddisfazione dell’utente finale.

 

Gli esempi non mancano: nel 2018 uno dei più importanti hub di riparazione aerei di linea del Medio Oriente sceglie CEMSA per la fornitura di una sofisticata e gigantesca saldatrice a punti, in grado di registrare e trasmettere al gestionale i dati di processo per singolo punto saldato. Nel 2019 viene realizzata una macchina a rulli asservita da un robot antropomorfo per la saldatura di serbatoi SUV di un noto marchio di automobili di lusso inglesi. Nel 2021 un cliente californiano ormai consolidato, conferma la sua scelta e commissiona a CEMSA la terza unità di Elettroricalcatura per la realizzazione di valvole in titanio dei motori termici per auto da corsa. Negli ultimi anni, CEMSA ha potuto implementare sulle macchine un’elettronica che consente un risparmio energetico con punte del 45-50% se confrontate con i modelli meno recenti. Questo perché in parallelo al controllo del processo produttivo, l’aspetto del risparmio energetico non è sicuramene da meno. Ora più che mai le imprese devono cercare di risparmiare il più possibile sui costi fissi di produzione e l’energia, nella saldatura a resistenza, è un costo ben presente. Se poi questo alla lunga vuol dire un minore impatto ambientale, in CEMSA non possono che esserne soddisfatti.

 

Info: www.cemsa.it