Enza Zaden Italia SRL

Quando sulle nostre tavole portiamo ortaggi o verdure ne apprezziamo il gusto senza chiederci quanto lavoro ci sia dietro quel prodotto. Lo sa bene, invece, la Enza Zaden, il Gruppo Internazionale Olandese che si occupa di selezione e miglioramento di varietà ortofrutticole e che ha in Italia, in provincia di Viterbo, una filiale impegnata in un lavoro di ricerca e sviluppo di nuovi semi da orto per prodotti tipici del nostro territorio. Attiva dal 1938, la società è presente in Italia dal 1987 e dopo circa 15 anni in cui l’unica operatività era in ambito commerciale, si è deciso di investire nella ricerca. Ciò ha rappresentato un punto di svolta che ha trasformato la sede italiana del Gruppo in uno dei principali motori per quel lavoro di innovazione nel rispetto della tradizione che caratterizza la filosofia aziendale sin dagli albori.
«Con questo concetto, che è anche il nostro slogan, intendiamo sintetizzare l’approccio che guida i ricercatori in una realtà come quella italiana nota per la sua biodiversità», spiega Giuseppe Arnesi, responsabile dell’unità commerciale che guida le attività italiane di Enza Zaden in tandem con Giampaolo Tassi, AD dell’unità di ricerca. L’individuazione e lo sviluppo di nuovi semi da orto, tiene conto dei valori fondamentali dell’agricoltura, quali la naturalezza del prodotto e il rispetto dell’ecosistema ed è il frutto di un confronto costante sia con gli agricoltori che con i commercianti e i consumatori. È così che l’azienda ha ottenuto una rilevante fetta di mercato, con oltre 20 colture da orto che hanno consentito la nascita di brand innovativi come il peperone Cornelio® oppure il pomodoro TomAzur®. La filiale italiana del Gruppo – che ha già ottenuto numerosi riconoscimenti, tra i quali quello per la massima affidabilità commerciale da parte della società di rating D&B, il Premio Industria Felix e quello per la migliore impresa familiare dell’anno 2016 – ha realizzato anche due centri nel Lazio e in Sicilia dove si effettuano attività di ricerca e miglioramento varietale. Di particolare rilievo è il lavoro condotto fra Tarquinia e la Sicilia sulle colture internazionali quali pomodoro, cavolfiore, cipolla e su specie locali come finocchio e radicchio. Info: www.enzazaden.it

www.enzazaden.it