Login

Partner dei più importanti editori italiani, da oltre 20 anni

Industria del packaging 4.0

Omag, leader del settore anche grazie alle sue scelte sostenibili

Sostenibilità e digitalizzazione dei processi sono le due direttrici su cui il mondo dell’industria sta, sempre di più, basando la propria evoluzione; Omag, azienda di Gradara (PU) leader nel campo del packaging, ha sposato in toto entrambe le filosofie. Attiva fin dal 1973, Omag è realtà di riferimento per il confezionamento nei settori alimentare, farmaceutico e cosmetico. Il motto dell’azienda è “Flexibility in Packaging”, che per Omag costituisce una vera e propria mission: fornire soluzioni personalizzate, flessibili, lavorando a stretto contatto col cliente per dare valore aggiunto al loro prodotto. Perseguire uno scopo così ambizioso significa essere azienda innovativa, al passo coi tempi, attenta alle necessità del mercato; oggi, l’importanza di essere competitivi va di pari passo con una nuova sensibilità verso l’impatto dei processi produttivi sull’ambiente circostante. Si tratta di un tema che Omag prende molto sul serio e che ha spinto l’azienda ad avviare un capillare percorso di analisi al fine di misurare l’impatto delle proprie attività e intervenire dove necessario. Omag ha sottoposto la sua macchina di punta, la CS/10 (utilizzata nel confezionamento in stick-pack), ad una serie di test atti a comprenderne i livelli di sostenibilità in tutte le fasi del suo ciclo di attività, dalla progettazione sino al fine vita. Omag ha poi esteso le proprie valutazioni a tutti i propri processi e il risultato ha evidenziato la sostenibilità dell’azienda. Nello specifico, è emerso che Omag produce internamente ben il 65% dei componenti che impiega per le sue macchine e riesce ad ottenere informazioni completamente trasparenti sull’origine dei materiali; si tratta di aspetti molto importanti, che testimoniano la circolarità – e dunque la sostenibilità – della catena produttiva. Circolarità assicurata anche dal design delle soluzioni impiegate da Omag, a monte progettate per favorire il riciclo e dunque a impatto quasi zero, e dalla modularità che caratterizza le confezionatrici, che rende la pulizia, la manutenzione e la sostituzione dei componenti più facile ed user-friendly. Si è evidenziata, inoltre, l’elevata efficienza energetica degli impianti che – grazie alle tecnologie brushless di Schneider Electric, storica partner di Omag – raggiungono un risparmio del 20%. L’innovatività di Omag trova espressione anche nelle avanzate tecnologie che l’azienda adopera. Le confezionatrici sono dotate di sofisticati software per assicurare tracciabilità, sicurezza, qualità e, grazie ad un sistema cloud, interconnessione con i sistemi informativi aziendali per il monitoraggio e l’interazione da remoto. Non è tutto: Omag è al lavoro per implementare, nei propri processi, le ultime frontiere della realtà aumentata e algoritmi di intelligenza artificiale. La prima per accedere in real-time ai dati tecnici delle macchine e individuare immediatamente eventuali malfunzionamenti; la seconda per elaborare dati predittivi sullo stato delle macchine e intervenire sui potenziali guasti prima ancora che avvengano. Info: www.omag-pack.com