Login

Partner dei più importanti editori italiani, da oltre 20 anni

La chirurgia robotica d’eccellenza che combatte l’obesità

Un pioniere della chirurgia robotica applicata in ambito bariatrico. Può essere definito così il Professor Ralf Senner, uno dei più accreditati specialisti a livello mondiale che vanta una prestigiosa carriera in tutta Europa e che opera anche in Italia, a Roma, dove ha focalizzato la sua esperienza maturata presso i più prestigiosi centri di Germania, Austria, Svizzera, Romania, Russia ed Egitto. Da egli stesso creato, il primissimo centro in Germania di chirurgia robotica vede il Professor Senner impegnato in prima linea, prende forma nel 2000 a Monaco di Baviera dove lo specialista esegue sia interventi contro l’obesità che di chirurgia generale. Tre anni dopo, in collaborazione con l’Università di Klausenburg in Romania, avvia il primo programma universitario di chirurgia robotica in Europa. Ma il 2003 per Senner rappresenta una data importane anche per un altro motivo. è infatti in quest’anno che dalla Robotic Surgery Clinic di Monaco, in collegamento proprio con l’Università di Klausenburg, esegue con l’ausilio di un robot il primo intervento al mondo realizzato a distanza: 1500 chilometri. In quasi 20 anni di attività il professor Senner ha seguito pazienti estremamente critici, non di rado dal peso che poteva raggiungere anche i 240 chilogrammi. Grazie alla minore invasività della tecnica robotica con la quale sono stati operati, hanno potuto ridurre il livello ponderale senza doversi sottoporre a lunghi periodi di degenza: con la tecnica robotica si può tornare a una vita normale e anche a lavoro in pochi giorni. Tutti questi elementi, testimoniano quanto questo tipo di chirurgia robotica rappresenti davvero un grande passo avanti per la scienza e quanto determinante in questo senso sia stato il contributo del Professor Senner. Il cuore dell’attività dello specialista tedesco è l’istituto Misita di Monaco di Baviera, dove da ormai 15 anni si lavora con competenza e sacrificio per combattere l’obesità attraverso la chirurgia robotica. I successi ottenuti da questa struttura hanno fatto sì che il centro divenisse il punto di riferimento per pazienti provenienti dalle più importanti città della Germania come Berlino, Amburgo, Francoforte, Colonia, Düsseldorf, Stoccarda e molti altri ancora. Ma la popolarità del Misita è andata ben oltre i confini tedeschi: l’istituto è divenuto in breve il punto di riferimento a livello internazionale, e un’intensa collaborazione si è creata in particolare con l’ospedale J. Hopkins di Abu Dhabi, che ha trasferito a Monaco i suoi casi più delicati. Il Professor Senner esegue i propri interventi utilizzando la tecnica da Vinci, che consente immagini 3D in alta definizione e offre all’operatore la possibilità di un perfetto orientamento in tutti i dettagli anatomici. L’altissimo grado di precisione di tale tecnica, assolutamente rivoluzionaria rispetto alla laparoscopia classica, garantisce elevati standard di sicurezza anche in caso di interventi ad alto rischio. Nelle mani di chirurghi esperti come Senner e la sua equipe, gli strumenti assumono una tale flessibilità da poter essere manipolati con il massimo della precisione. Grazie alla elevata ergonomia di lavoro e alla sicurezza intraoperatoria, la sutura robotizzata e tutta la tecnica da Vinci, hanno superato i limiti della chirurgia laparoscopica, riducendo le complicazioni e risparmiando gli altissimi costi che comporta il ricorso alla terapia intensiva.  

Una storia di successi

  Nato nel 1956, il Professor Ralf Senner ha iniziato la carriera medica presso il dipartimento di chirurgia clinica della facoltà di medicina dell’Università di Bucarest. Per la specializzazione in chirurgia ha studiato in Germania e in Austria e ha ottenuto il diploma nel 1988, quando si è iscritto all’Ordine dei medici di Monaco di Baviera. E avendo conseguito nel 1994 la licenza tedesca per l’esercizio della professione medica, ha lavorato senza limitazioni sia in territorio austriaco che tedesco. Tra il ‘95 e il ‘96 è stato responsabile del dipartimento di Chirurgia mini-invasiva dell’ospedale AKH Enns di Linz. Nel 2003 ha ottenuto il ruolo di Professore Associato all’Università di Medicina di Klausenburg. Per la competenza acquisita nel campo della chirurgia robotica il Professor Senner è stato chiamato ad operare in numerosi paesi del mondo. In particolare in Egitto, dove ha ottenuto la certificazione EDDW nel 2013, mentre la Società rumena di chirurgia laparoscopica lo ha nominato Membro d’Onore nel 2003, e l’Associazione rumena di chirurgia endoscopica gli ha conferito nel 2017 il diploma d’eccellenza premiandone l’importante supporto al progresso scientifico. In qualità di esperto internazionale di chirurgia robotica, sempre nel 2017 il professor Senner è stato invitato dall’americana Intuitive Surgical a Monaco di Baviera per effettuare valutazioni sull’ultimo sistema robotico da Vinci X per l’Europa. Con la sua attività Senner ha così contribuito all’implementazione delle tecniche più all’avanguardia. I vantaggi delle tecniche chirurgiche da lui utilizzate sono illustrati direttamente dal professore. «La chirurgia robotica ha cambiato completamente questo ambito medico e ha superato tutti i limiti della chirurgia classica laparoscopica, innanzitutto perché presenta un livello di complicanze estremamente basso – spiega lo specialista – Ovviamente io posso parlare soltanto della statistica relativa alla mia attività e non c’è dubbio che le cifre sono estremamente incoraggianti. Nel campo della chirurgia bariatrica robotica, per esempio, le complicanze sono sotto lo 0,5 per cento grazie alla sutura robotizzata da Vinci, mentre nella chirurgia classica laparoscopica lo standard è tra l’8 e il 10 per cento. Questo rappresenta uno dei grandi vantaggi della chirurgia robotica rispetto alla laparoscopia classica o alla chirurgia tradizionale. Ma ce ne sono altri. Per esempio, un aspetto che va tenuto in considerazione, è la sensibile riduzione dei tempi di ospedalizzazione: massimo tre giorni. Ed è chiaro che riducendo i tempi di degenza si abbattono anche i costi della spesa sanitaria». Minor tempo passato in ospedale e anche meno farmaci assunti. «Sì – risponde il Professore – un altro elemento distintivo di questa chirurgia del futuro è che comporta, dopo l’intervento, un consumo di antidolorifici ridotto. Ciò è dovuto alla bassa invasività dell’approccio. Esistono statistiche relative alle condizioni dei pazienti dopo importanti interventi bariatrici, come la riduzione dello stomaco o l’applicazione di by pass gastrico, secondo le quali non c’è stata necessità di somministrare antidolorifici nemmeno durante le ore successive all’operazione, e ciò è dovuto alla minore invasività della tecnica robotica. Addirittura già la prima sera dopo l’intervento possono essere consumati tè o un po’ di minestra». Per conoscere meglio il Professor Senner si può consultare il sito internet https://senner-la-chirurgia-robotica.it/. Il Centro europeo di chirurgia robotica per l’obesità, del Prof. Senner, di Roma, in collaborazione con il Quisisana Clinic, si trova in via Gian Giacomo Porro, 5. Per informazioni o per prendere contatto si può telefonare al 350 12 00 375 oppure visitare il sito internet www.robotic-obesitysurgery.com