Login

Partner dei più importanti editori italiani, da oltre 20 anni

La sicurezza sui luoghi di lavoro nel post-Covid

Le soluzioni smart, la formazione specifica e l’esperienza di Framinia al servizio delle imprese

La fase due è a pieno regime, l’imprenditoria riparte e si trova calata in un “mondo nuovo”, nel quale la sicurezza sui luoghi di lavoro – tematica da sempre fondamentale – ha assunto un ruolo ancor più primario. È in questo contesto che Framinia, storica realtà della consulenza e della formazione in materia di sicurezza, si configura come partner insostituibile per le aziende che devono riorganizzare la propria attività sulla base dei nuovi protocolli. Framinia si conferma società sempre al passo coi tempi poiché fin da subito ha attivato soluzioni ad hoc per l’emergenza, come spiega Nicola Nicoletti, managing partner: «Stiamo privilegiando la modalità e-learning e, proprio in virtù delle nuove esigenze, abbiamo creato un’offerta formativa specifica sulle tematiche del Covid19 per tutti i nostri clienti e contestualizzata anche nel settore cine-audiovisivo, nel quale abbiamo un’esperienza ventennale e clienti altamente fidelizzati». Sono i numeri a rendere ben evidente perché la consulenza e la formazione targate Framinia siano così apprezzate: una professionalità forgiata da decenni di attività sul campo, quasi 1500 clienti, 3 sedi in Italia (Roma, Milano, Foggia) e 2 in Europa (Londra, Madrid, con una terza in arrivo a Parigi), ampio ventaglio di settori coperti. Il team di esperti Framinia è in grado di assistere le imprese per tutti gli adempimenti relativi alla salute e alla sicurezza sul lavoro, pianificando i documenti e offrendo consulenza per tutti gli aspetti connessi alla gestione; cura la stesura dei piani di sicurezza per cantieri temporanei e mobili e ne supervisiona e ne coordina l’attuazione; supporta la filiera agro-alimentare attraverso la preparazione dei manuali HACCP; si occupa di prevenzione antincendio, sia per ciò che concerne i piani di emergenza che per la fornitura e verifica degli estintori; ancora, si occupa di compliance, sviluppando e implementando sistemi di gestione che coprono un’ampia gamma di standard internazionali. I corsi di formazione Framinia, inoltre, spaziano in una vasta gamma di argomenti, sia generali e sia specifici e includono tra gli altri corsi antincendio, di primo soccorso, sulla bonifica dell’amianto, sulle procedure HACCP e sui nuovi regolamenti GDPR. Uno degli ambiti di maggiore attività per Framinia è il media entertainment e, proprio in relazione a questo settore, quello attuale è un periodo di impegno particolarmente fervente: il 7 Luglio è stato infatti approvato il protocollo sanitario per la ripresa in sicurezza dei set, su cui organizzazioni dei lavoratori, degli artisti, delle imprese di produzione e degli autori hanno trovato convergenza a valle di numerosi colloqui intercorsi con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Framinia ha contribuito alla redazione del protocollo, un’esperienza della quale Nicola Nicoletti si dichiara soddisfatto: «Il documento finale è il risultato di un intenso lavoro di confronto ed è la sintesi delle proposte emerse dalle diverse categorie professionali. La salute delle persone è stata al centro dell’interesse di tutte le parti coinvolte che hanno confermato così la volontà di ricominciare in un settore estremamente particolare, dove l’essenza stessa delle attività non consente sempre l’applicazione del distanziamento sociale o l’uso di DPI, per cui era indispensabile l’individuazione e ufficializzazione di regole specifiche». Proprio in virtù delle peculiarità del settore del media entertainment, la stesura del documento ha richiesto un know-how altamente specializzato e un’attenzione particolare alle situazioni di rischio nelle quali possono trovarsi i lavoratori ma, come spiega Nicoletti, «Il rigore e il buonsenso hanno guidato le parti nel trovare le soluzioni più adatte – alla luce delle conoscenze attuali, delle competenze specifiche per ogni reparto e delle raccomandazioni della comunità scientifica – per garantire la sicurezza nei processi di lavoro della produzione cine-audiovisiva». Framinia è profondamente convinta che la ripartenza dell’imprenditoria non possa prescindere da una conoscenza capillare delle regole di sicurezza e dalla loro rigorosa applicazione e sta constatando come, seguendo queste direttrici, la risposta del tessuto economico sia incoraggiante. «Abbiamo sentito la necessità di fare la nostra parte – prosegue Nicola Nicoletti – erogando gratuitamente per tutti i lavoratori dello spettacolo Gruppo A i corsi di formazione generale e specifici sul Covid. La ripartenza del comparto cine-audiovisivo è stata rapida e consistente, rimarcando la capacità del settore, in tutte le sue componenti, di concorrere alla ripresa del Paese». La riprova che la strada intrapresa è quella giusta arriva anche dal mercato estero: «Stiamo riscontrando un forte interesse da parte dei grandi Studios internazionali, che guardano alla nostra bella nazione non solo come set naturale ma anche come set sicuro». Info: www.framinia.com