Meccanica Sbarzaglia il segreto del suo successo? Visione lungimirante

58 anni di attività, 30 addetti specializzati, crescita dei ricavi del 34% nel 2017 e 10% nel 2018. Eccellenza nella realizzazione di componenti ad elevata precisione in leghe speciali (alluminio, titanio, acciaio, etc) e materiali compositi (fibra di carbonio, resine, fibra di vetro, etc). Fornitore preferenziale per vari settori di nicchia, solo per citarne alcuni: gold supplier per l’automazione industriale/packaging, motorsport, automotive, macchine utensili, medicale, nautica, aerospace, etc. Realizza prototipi, ricambi e formati speciali, lotti pre-serie e piccole serie, stampi e modelli e prodotti complessi in tempi strettissimi, rispettando scadenze tassative: questa è Meccanica Sbarzaglia, società di Faenza (RA) che si distingue da sempre per l’attenzione alle esigenze della propria clientela, la quale si affida sempre più alle sue mani esperte.
L’azienda viene fondata nel 1961 da Giovanni Sbarzaglia e già negli anni ’70 inizia a collaborare con un’importante scuderia di Formula 3, oggi top player di Formula 1. Dal racing si eredita la cultura del prototipo one-off e della consegna immediata che diventerà il core business dell’attività. Negli anni 2000, il ricambio generazionale: Simona, figlia del fondatore, prende le redini dell’impresa, dimostrando la stessa passione del padre. Sono questi gli anni in cui l’azienda amplia il parco clienti servendo nuovi settori. «Siamo una realtà solida e affidabile — esordisce Simona Sbarzaglia — perché cresciuta in maniera graduale e sostenibile, finanziariamente stabile e tecnicamente forte, con l’unico obiettivo di fare al meglio il proprio mestiere per consegnare in tempo un prodotto perfetto. La squadra giovane e motivata, opera in un clima professionalmente etico e votato alla piena valorizzazione delle competenze, che rimangono in azienda. La crisi del 2008 ci ha reso più forti, perché nonostante la contrazione e il timore del mercato, non abbiamo smesso di investire — continua la General Manager di Meccanica Sbarzaglia — circa il 10% del fatturato annuo viene impiegato in potenziamento tecnologico e ottimizzazione dei processi produttivi, consulenza e formazione del personale per acquisire nuove competenze tecniche e gestionali, promozione verso nuovi mercati per cercare nuovi sbocchi e “last but not least”, l’assunzione di ulteriori figure specializzate. Ci siamo assunti il rischio di investire in un momento di forte incertezza, non ci è mancato il coraggio di perseguire la nostra visione e oggi, raccogliamo i frutti di questa non scontata lungimiranza. Infine — conclude Simona Sbarzaglia — il futuro ci vedrà impegnati su più fronti, i progetti sono tanti, variegati e sempre rivolti all’eccellenza ma il più importante e sfidante per una realtà specializzata nei prototipi, sarà quello di automatizzare i processi operativi al punto da permettere ai nostri collaboratori di lavorare meglio, di meno, di poterlo fare anche da casa e avere più tempo da dedicare alla propria famiglia: ce n’è un grande bisogno, lo dico da felice neo-mamma e i robot in questo saranno nostri amici e alleati. Credo sia giunta l’ora di “tornare più umani”, dare maggiore spazio alle emozioni, mettendo a frutto la nostra intelligenza e lasciare alle macchine il loro lavoro». Info: www.meccanicasbarzaglia.com