Novofil: le “Donne d’acciaio” della saldatura industriale guardano all’Europa

Quella di Novofil è una storia di eccellenza nel campo dei fili per saldare che abbraccia più generazioni e che, dall’Italia, si espande all’estero; è una storia che poggia su solide fondamenta di un’esperienza più che trentennale e che trae nuova linfa dal management giovane e al femminile insediatosi nel 2016.

 

«Una storia – spiega la Dott.ssa Caerina Marie Petitto, Presidente del CDA e Direttrice Marketing – che abbiamo tinto di “rosa”, sempre mantenendo inalterati i valori, gli ideali che ci hanno trasmesso i nostri genitori». L’avventura di Novofil s’intreccia indissolubilmente con la famiglia Petitto, che fin dal 1986 guida l’azienda; oggi il board direttivo è composto, oltre che da Caerina Marie Petitto, dalla Dott.ssa Caerina Petitto (Responsabile Acquisti) e dalla Dott.ssa Jacqueline Petitto (Responsabile Produzione). «Quello della metalmeccanica è un settore solitamente percepito come “maschile” – afferma Petitto – ma io e le mie socie e cugine abbiamo lavorato molto per arrivare dove siamo. Siamo partite dalla gavetta e abbiamo acquisito tutti gli strumenti del mestiere giorno dopo giorno».

 

È il successo che Novofil continua a riscuotere sui mercati a testimoniare la lungimiranza e il dinamismo delle scelte operate dall’azienda; un successo che coniuga innovazione, alta specializzazione e rispetto per l’ambiente. «Il fiore all’occhiello della nostra produzione – spiega Petitto – è il filo per saldatura in acciaio al carbonio non ramato: garantisce la stessa funzionalità del classico filo ramato, ma salvaguarda sia l’ambiente che i tecnici operatori, poiché riduce notevolmente il tasso di emissione fumi durante la lavorazione». E l’impegno di Novofil per l’eco-sostenibilità non termina qui: «Abbiamo installato impianti di depurazione delle acque, per purificarle dagli scarti chimici dei processi di produzione, e stiamo anche lavorando affinché ogni materiale plastico che impieghiamo sia sostituito da equivalenti biodegradabili».

 

Il 2020 è stato, anche per Novofil, un anno complesso, ma le difficoltà del particolare momento storico non hanno impedito all’azienda di continuare ad allargare i propri orizzonti: «Abbiamo realizzato importanti investimenti per rinnovare il nostro parco macchine e dotarci di robot di ultima generazione. Attualmente, nel comparto dei fili per saldatura, Novofil è seconda in Europa per tecnologia: possiamo definirci vera e propria Industria 4.0». L’estero, d’altra parte, costituisce un importante tassello dei progetti futuri di Novofil: «Nell’anno da poco trascorso ci siamo focalizzati sui mercati internazionali, in particolare sull’America, sull’Africa, sull’Europa. Proprio in Europa apriremo presto una nuova sede: stiamo crescendo molto ed avere una presenza in un luogo strategico, centrale, ci permetterà di compiere un ulteriore passo in avanti».

 

Info: www.novofil.it