Nuova Sivam: a vele spiegate verso l’internazionalizzazione

Nuova Sivam, storica azienda milanese leader nel settore delle vernici per legno, plastica e vetro, spegne la sua settantesima candelina e consolida la presenza all’estero chiudendo l’anno con una quota d’export pari al 70% del fatturato totale. L’impresa si inserisce nel quadro economico che, secondo i dati nazionali, segnala la bilancia commerciale italiana con un attivo di 59 miliardi di euro. La necessità dell’internazionalizzazione per una crescita continua è stata ben recepita da Nuova Sivam che, mantenendo un’ottima capillarità sul territorio nazionale, si è affacciata oltre confine trovando terreno fertile soprattutto nei paesi del Nord America (a Toronto l’azienda è presente con una sede) e del Sud Est Asiatico. Il successo di questa espansione è da attribuire sicuramente alla qualità del prodotto Made in Italy, che rappresenta una garanzia per i paesi esteri, ma anche alla flessibilità dell’azienda, ovvero la capacità di comprendere le differenti esigenze di ogni paese generando fidelizzazione. Ultimi ma non per importanza gli investimenti di Nuova Sivam nelle tecnologie a minor impatto ambientale, un ulteriore valore aggiunto parlando di esportazione, ma non solo: un laboratorio per vernici UV e un nuovo reparto produttivo per vernici all’acqua. Con questi investimenti Nuova Sivam continua la sua politica di innovazione tecnologica e di ricerca di soluzioni a minor impatto ambientale, pur nella consapevolezza che il massimo risultato si può avere solo in presenza di precisi adeguamenti normativi che accompagnino la ricerca stessa. Ma flessibilità vuol dire anche questo: trovarsi pronti senza precorrere i tempi.