L’Istituto di Riabilitazione di Agazzi al servizio della comunità

Un istituto al servizio dei bisogni socio-sanitari di territorio e comunità. Questo è l’Istituto di Riabilitazione di Agazzi che, voluto e realizzato dalla congregazione religiosa dei Padri Passionisti, da sempre ha rivolto la propria missione verso l’attenzione e la prossimità ai più deboli. La denominazione completa di Istituto Privato di Riabilitazione Madre della Divina Provvidenza dei Passionisti identifica il proprio valore-guida nel “servire” il prossimo, ponendosi a disposizione delle parti fragili della comunità a partire dalle persone con disabilità o disturbi psichici. In quest’ottica, i servizi messi a disposizione sono sempre stati orientati verso attività dove le risposte erano carenti o assenti.

 

L’Istituto di Agazzi attualmente gestisce, in forma quasi esclusivamente convenzionata, servizi di riabilitazione neurologica e motoria per persone in età adulta ed età evolutiva, servizi orientati all’autismo o a disturbi del comportamento alimentare, servizi socio-sanitari per la disabilità intellettiva o per gravissime disabilità, servizi sociali attraverso appartamenti assistiti, percorsi di inserimento lavorativo, progetti di vita indipendente e di dopo-di-noi. L’attenzione alle necessità della comunità ha fatto da guida anche nel periodo di pandemia: l’Istituto di Agazzi, a fronte dell’esplosione dei ricoveri e dei molteplici focolai nelle residenze locali, ha messo a disposizione i posti letto del reparto di riabilitazione per accogliere pazienti contagiati nelle stesse residenze o ancora positivi in dimissione dall’ospedale.

 

L’obiettivo rimane quello di offrire, in sinergia con le ASL, servizi con elevati standard di qualità e sicurezza, rispettando il motto “far bene il bene”.

 

www.istitutoagazzi.it

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

Telemedicina, sempre al fianco dei pazienti grazie all’innovazione digitale
Digital Health, un nuovo modo di concepire l’assistenza medica   “Telemedicina” è un termine che è diventato di uso più comune in tempi relativamente recenti, ancor di più da quando la pandemia da COVID-19 ha reso necessari prolungati periodi di confinamento e quarantena, specialmente durante le sue fasi più critiche. Tuttavia, il concetto di medicina […]