NUOVE terapie curano parestesie, dolore e deficit motori

Il prof. Battista Borghi ha lavorato per 45 anni presso l’Istituto Ortopedico Rizzoli dapprima come tesista, poi tirocinante, assistente, aiuto ospedaliero ed infine dal 2006 come prof. Associato di anestesia, rianimazione e di terapia del dolore nel dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Università di Bologna. Durante questi anni di lavoro ha sempre messo i pazienti al centro della sua attività clinica, di ricerca scientifica e didattica cercando di offrire loro il miglior benessere possibile soprattutto a medio e lungo termine.

 

Il Professore nel 2006 ha identificato come frequente causa del dolore neuropatico un’infiammazione localizzata lungo le vie nervose mettendo a punto e pubblicando una terapia in grado di risolvere questi disturbi: essa consiste nell’iniezione intramuscolare ecoguidata, vicino alla via nervosa interessata dall’infiammazione, di uno specifico farmaco antinfiammatorio non cortisonico rivelatosi molto efficace. Un approccio innovativo che ha permesso la guarigione di cervicobrachialgie e lombosciatalgie acute e croniche; paralisi dei muscoli innervati dai nervi: radiale, femorale, sciatico anche da Herpes Zooster; un caso di afonia da paralisi postchirurgica delle corde vocali.

 

In qualità di professore dell’Alma Mater continuerà nel privato a svolgere attività di cura e ricerca delle cause dei dolori dell’apparato locomotore soprattutto nei pazienti in sovrappeso allo scopo di mettere a disposizione tecniche innovative per la riduzione dell’obesità (ipertensione e diabete tipo 2 se ad essa correlate) e dal dolore neuropatico, articolare e miofasciale senza ricorrere ad interventi chirurgici ortopedici che a volte sono gravati da complicanze anche peggiorative.

 

 

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

Telemedicina, sempre al fianco dei pazienti grazie all’innovazione digitale
Digital Health, un nuovo modo di concepire l’assistenza medica   “Telemedicina” è un termine che è diventato di uso più comune in tempi relativamente recenti, ancor di più da quando la pandemia da COVID-19 ha reso necessari prolungati periodi di confinamento e quarantena, specialmente durante le sue fasi più critiche. Tuttavia, il concetto di medicina […]