Prosciuttificio San Francesco: l’orgoglio di un territorio apprezzato in tutto il mondo

L’orgoglio di portare nel mondo una delle tradizioni gastronomiche italiane più apprezzate, facendo leva su qualità del prodotto e servizio reso. È ciò che contraddistingue da 40 anni il lavoro del Prosciuttificio San Francesco Spa, nato dall’intuizione di Alfonso Bavieri, capace di trasformare un’identità territoriale in business, divenendo così un riferimento per l’intera comunità. Il Prosciuttificio San Francesco infatti oggi dà lavoro a quasi 120 persone, distribuite negli stabilimenti di Castelnuovo Rangone (MO) e Medesano (PR). Il fatturato nel 2018 è stato di 46 milioni di euro, con una produzione media annua di 1,3 milioni di prosciutti (tra i Dop Parma, San Daniele e Modena e i non Dop Nazionale e crudo standard), il 30% dei quali destinati all’estero (tra i mercati di riferimento oltre all’Europa, Australia, Brasile, Cina, Usa e Canada). Negli anni Bavieri è stato affiancato dalla seconda generazione: oggi insieme al fondatore il cuore operativo dell’azienda è composto dal figlio Cristiano e dal genero Roberto Catti. «Il nostro è un lavoro fatto di passione e attenzione – spiegano – correttezza e professionalità». Lavoro come base della società, che crea benessere, libertà e integrazione. «Siamo orgogliosi di proporre lo stile di vita italiano nel mondo. Soddisfazione accresciuta dalla capacità di produrre prodotti sempre di qualità, con formati e tagli sempre più agevoli. Un prodotto estremamente sano, solo carne e sale, pratico e non caro». Attenzione all’ambiente, grazie a due stabilimenti a basso impatto. «Una dedica è giusto farla agli emigrati che hanno fatto conoscere la bontà dei prodotti italiani nei Paesi più remoti del mondo».
Info: www.sanfrancescospa.it