Sinergia pubblico/privato: Medica Plus eccellenza modenese

Il tema del sovraccarico delle strutture sanitarie pubbliche è tornato purtroppo alla ribalta in questi giorni di nuove “zone rosse” e di terapie intensive ormai sature di pazienti. Ecco allora che torna di attualità anche il tema della sanità privata a supporto e aiuto di quella pubblica, soprattutto per ciò che riguarda le prestazioni specialistiche e la chirurgia, con intere équipe che si sono trasferite presso poliambulatori privati. Un esempio di eccellenza è il centro Medica Plus di Modena che col suo ambulatorio chirurgico e le sue oltre 40 specialità mediche è un presidio fondamentale in questo periodo di dura emergenza sanitaria, e più in generale nella quotidianità dei modenesi per snellire i tempi di attesa mantenendo intatta la qualità del servizio e bassi i costi, dato che il ticket da pagare per una prestazione specialistica rimane lo stesso.

 

Da un punto di vista organizzativo è molto probabile che le sinergie createsi in questo periodo proseguano e si rafforzino anche nell’epoca post Covid. Tra le varie specialità nelle quali Medica Plus eccelle, spicca senza dubbio la chirurgia della mano, branca ortopedica nella quale la città di Modena è riconosciuta a livello internazionale grazie all’intuizione del Prof. Augusto Bonola a metà degli anni Settanta e sviluppata poi dal Prof. Alessandro Caroli. Per molto tempo, infatti, il Policlinico di Modena è stato l’unico centro nazionale per le operazioni alla mano, oggi ben coadiuvato dai poliambulatori privati tra cui Medica Plus, che può avvalersi delle prestazioni del dottor Marcello Marcialis, uno tra i più stimati e ricercati chirurghi della mano a livello italiano e non solo. «Presso Medica Plus – racconta il dottor Marcialis – è possibile accedere a visite e interventi con tempi di attesa ridottissimi.

 

L’avere un poliambulatorio così ampio consente poi un’interdisciplinarietà immediata non ritrovabile altrove, grazie alla quale i pazienti possono curare diverse patologie contemporaneamente». Specializzato da oltre 25 anni esclusivamente sulla chirurgia della mano, il dottor Marcialis è uno dei luminari di Medica Plus ed esegue oltre 400 interventi l’anno. Tra i suoi pazienti vi sono anche numerosi sportivi di livello internazionale del presente e del passato e nel suo curriculum spicca la convenzione con l’Ambasciata di Libia per curare i feriti civili in operazioni di guerra. La chirurgia della mano, oggi, ha svariate sfaccettature: «Gli interventi più frequenti che eseguo presso l’ambulatorio Medica Plus – continua Marcialis – riguardano il tunnel carpale, l’artrosi, il dito a scatto, ma vengono richiesti anche interventi di chirurgia estetica per ridurre cicatrici o ustioni. Quando si può agiamo in anestesia locale (circa il 90% degli interventi) e con le tecniche più moderne di microchirurgia o endoscopia».

 

Info: www.medicaplus.it