Stacec: dal sud un esempio di sviluppo e continua ricerca

La Stacec opera nello sviluppo del software per il calcolo strutturale. In quale particolare settore dell’ingegneria?
La nostra Azienda da circa 50 anni si occupa dello sviluppo di software per l’ingegneria civile, in particolare nel settore della progettazione strutturale e geotecnica. Sono nati prodotti come FaTA Next, per il calcolo strutturale, e LSR-2D per la Risposta Sismica Locale, frutto di importanti collaborazioni nel campo della Ricerca. Il risultato di questo lavoro ha portato allo sviluppo di avanzati metodi di calcolo per problematiche come il “degrado strutturale”, l’analisi delle strutture in muratura (modellazione con “macroelementi”), la “liquefazione” nel campo dell’ingegneria geotecnica. Analisi sofisticate all’interno di prodotti comunque funzionali per ogni esigenza.

 

Quali saranno le sfide o le prospettive future del progettista?
Negli ultimi 20 anni, la nostra Azienda ha iniziato un percorso di sviluppo di prodotti specifici indirizzati all’analisi ed all’intervento delle strutture esistenti; siamo stati tra i primi ad investire in questo ambito, con la convinzione che ciò sarebbe diventato argomento di forte attualità, ed abbiamo così prodotto una serie di strumenti sicuramente all’avanguardia. I fatti ci stanno dando ragione e prevediamo che sempre più il progettista si troverà ad affrontare questa problematica, specie se questa viene incoraggiata da una politica oculata di salvaguardia del patrimonio edilizio.

 

Info: www.stacec.com