Tecnologie Antincendio a marchio Air Fire

I successi di una realtà nata nel Lazio e passata da ditta individuale a leader del settore

 

Nel mondo dell’imprenditoria italiana, tra le realtà di successo che costituiscono la base solida dell’economia nazionale, c’è un’azienda che può essere presa ad esempio virtuoso anche oltre i confini dei suoi settori di riferimento. Si tratta di Air Fire SpA, una società che contempla, nei suoi modelli di gestione e nella storia della sua crescita, tutte le caratteristiche tipiche delle migliori realtà del paese: capacità di incremento costante, nel corso degli anni, della mole produttiva e della varietà di servizi, senza mai abbassare la qualità dell’offerta; abilità di espansione sui mercati esteri; eccellenza degli standard nella formazione interna ed esterna, dal grande gruppo alla piccola azienda.
Air Fire nasce a Roma alla fine degli Anni ‘70 come ditta specializzata in servizi antincendio, ambito nel quale rimane anche dopo le trasformazioni, dapprima in Srl e successivamente in SpA. Sin dai suoi albori l’impresa svolge un servizio a 360 gradi nel settore della prevenzione occupandosi sia della vendita degli estintori che della progettazione, realizzazione e manutenzione di impianti di rilevazione e impianti di spegnimento. Successivamente, nell’ottica di un ampliamento costante delle attività, e in contemporanea con l’ingresso in azienda della seconda generazione della famiglia Evangelisti, proprietaria di Air Fire, è stato introdotto il servizio di manutenzione degli impianti, in modo tale da poter offrire ai propri clienti un vero e proprio punto di riferimento al quale affidarsi anche durante la fase di post vendita. Ma il management della società romana non si è mai sentito appagato dai risultati raggiunti, ma al contrario ha sempre cercato nuovi segmenti di mercato e spazi di intervento per portare avanti quell’ambizioso progetto di espansione e di consolidamento aziendale che oggi ha reso Air Fire una realtà leader assoluta in Italia, con importanti interessi anche in ambito estero. Sicuramente, uno dei primi passi in questo senso, è stato l’inserimento nell’offerta resa ai propri clienti anche delle porte tagliafuoco, giungendo quindi ad abbracciare contemporaneamente l’intera gamma delle attrezzature per la resistenza al fuoco.
Ma neanche questo, per la famiglia Evangelisti, ha rappresentato un punto d’arrivo. Anzi, i progetti sono aumentati, si è continuato a pensare sempre più in grande, raggiungendo così ambiti che ai tempi della fondazione dell’azienda sarebbero potuti apparire addirittura impensabili. Ad illustrarli è Matteo Evangelisti, il più giovane dei fratelli, subentrati ai vertici di Air Fire dopo la scomparsa del papà avvenuta nel 2011: «Da quello stesso anno, pur senza mai abbandonare il settore dell’antincendio nel quale, anzi, abbiamo continuato a investire, è stato deciso di impegnarci per portare la nostra azienda verso il global service, puntando ad entrare all’interno di grandi aziende e di enti pubblici, come ministeri e aeroporti, per occuparci dell’intera gestione del facility. È così che siamo diventati un punto di riferimento per i nostri clienti».
Queste nuove sfide hanno rappresentato per Air Fire sicuramente un punto di svolta fondamentale, ma per una azienda di questo calibro tutto parte dall’assennatezza del processo di valutazione delle scelte e dal rispetto per una visione che punta a sviluppare in ogni settore l’esperienza necessaria per fornire un servizio impeccabile. «Infatti – prosegue Matteo Evangelisti – il nostro è un processo di crescita estremamente ponderato. Oltre a non aver mai abbassato l’attenzione sul settore dell’antincendio, ci siamo prefissati di crescere passo dopo passo, e anche nel facility abbiamo iniziato con piccoli contratti, per giungere poi, una volta acquisita la necessaria esperienza, a commesse anche molto importanti». Nel frattempo in Air Fire sono nate altre importanti divisioni: la prima è stata quella per l’edilizia, nata perché, spiega ancora Evangelisti, «ci siamo strutturati per eseguire ogni tipo di lavoro legato all’installazione degli impianti, senza più doverci rivolgere a terzi».
Nel 2012, poi, Matteo e i suoi fratelli riescono a portare a termine un progetto al quale tenevano particolarmente perché rientrava tra quelli che il padre aveva in mente ma che non ha potuto realizzare: dare vita ad una sede all’estero. Così da sette anni, Air Fire opera nella città di Barcellona con un ufficio di rappresentanza commerciale che costituisce il ponte d’ingresso nel mercato globale. Infatti dalla sede spagnola, attraverso AIRfire Worldwide, viene coordinata la distribuzione e vendita di impianti antincendio in tutto il mondo. Principale artefice di questo successo è stato Luca Evangelisti, il più grande tra i fratelli, purtroppo venuto prematuramente a mancare proprio lo scorso anno.
Il continuo impegno profuso a tutti i livelli dalla società romana viene oggi riconosciuto e premiato dalle grandi aziende dei più svariati settori che la scelgono per l’affidamento di importanti commesse. Non ultimo c’è poi l’aspetto relativo ai fatturati, che negli ultimi anni sono cresciuti costantemente, contribuendo a rendere Air Fire SpA sempre più solida e competitiva. Solidità che si manifesta chiaramente nelle cifre dell’ultimo bilancio che destano soddisfazione e orgoglio nel management. «Io credo fermamente che uno dei nostri principali punti di forza – afferma Matteo Evangelisti – sia l’affidabilità che ci viene costantemente riconosciuta dai nostri clienti. Nel corso degli anni ci siamo imposti sempre di più come una realtà che basa il proprio lavoro sulla competenza e la qualità. Doti che ci portano ad essere spesso interpellati anche per pareri tecnici non strettamente legati all’impiantistica antincendio. Noi siamo sempre disponibili a mettere la nostra esperienza al servizio dei nostri partner, e devo dire – conclude Evangelisti – che tutti i riconoscimenti sin qui ottenuti ci danno grande soddisfazione perché sono la dimostrazione che stiamo attuando gli insegnamenti trasmessi da nostro padre».
Info: www.airfire.it