U-Series in prima linea sul radon

L’inalazione di gas radon, che si sprigiona naturalmente dalle rocce, è la seconda causa di cancro ai polmoni. Ciò ha spinto l’UE a diramare una direttiva che deve essere recepita dagli Stati membro. Ad oggi solo Puglia e Campania si sono attivate con l’emanazione di leggi regionali. A parlarcene sono l’ing. Massimo Esposito, la dott.ssa Doriana Esposito e il dott. Davide Aggio, responsabili di U-Series di Bologna, specializzata in consulenze e servizi nel campo della radioattività e radioprotezione, che da 17 anni si occupa di gas radon con misurazioni, monitoraggi e attività di bonifica. «La direttiva europea – dicono — impone di misurare la presenza di radon in tutti gli ambienti accessibili al pubblico e nelle civili abitazioni, talvolta realizzate con materiale che produce naturalmente il gas. Se la concentrazione è elevata, c’è la possibilità di ridurla». Info: www.u-series.com