Ucinque, un fatto italiano

Start-up del Monferrato nasce nel 2014 con 30 anni di esperienza

Occimiano, operoso comune in provincia di Alessandria, ospita una realtà aziendale che vale la pena analizzare.
2014: tempo di acquisizioni, fusioni e licenziamenti. Siamo ad Asti, nel Monferrato, terra di pregiati vigneti e di nocciole DOP.
Cinque professionisti del comparto del freddo con circa 30 anni di esperienza nel settore si ritrovano a discutere del mercato, dei clienti, dei prodotti… Prende corpo così l’idea di creare una nuova azienda dedita a produzione e commercializzazione di apparecchiature frigorifere professionali. Ai più sembra un’idea balzana, una vera follia in tempi bui di recessione. Eppure, contro ogni pronostico, i cinque fondano la Ucinque Srl (acronimo di Unione di cinque professionisti).

 

Le competenze chiave ci sono tutte: Produzione, Vendite, Marketing, Finance. Il Presidente è Bruno Pierluigi Franco, esperto viticoltore dell’Astigiano, oltre che profondo conoscitore della produzione di frigoriferi. È lui la mente che organizza il layout produttivo, con il suo inseparabile “PC”: carta e matita, come ai vecchi tempi.
Si inizia ad Asti in una piccola location produttiva, utilizzando uffici e magazzini dislocati a diversi chilometri di distanza. Nonostante l’esiguità dei capitali da investire, le idee sono ben delineate: proporre refrigeratori MADE IN ITALY, con il distintivo ITALIAN DESIGN apprezzato in tutto il mondo, a prezzi competitivi e nel pieno rispetto dell’ambiente.

 

La conoscenza dei clienti, dei fornitori, dei processi di trasformazione industriale e dei prodotti fanno si che la start-up inizi ad avere successo e ad attirare addetti dalla vicina Casale Monferrato, centro storico per la refrigerazione professionale in cui sono concentrati i Big del mercato. Il fatturato cresce, i clienti ripongono crescente fiducia nella neonata azienda; i prodotti Made in Italy della piccola start-up piemontese piacciono.

 

2018: U5 aumenta il suo capitale sociale ed acquista lo storico stabilimento già appartenuto alla Iar-Siltal di Occimiano, alle porte di Casale Monferrato, abbandonato per un decennio e ridotto in pessime condizioni. I 50.000 metri quadrati vengono velocemente rimessi in sesto a tempo di record. L’impresa continua a lavorare con grande passione, proponendo soluzioni innovative al mercato, molte delle quali protette da brevetto.

 

2019: U5 cambia immagine e logo aziendale, diventando più “adulta” nella proposizione della Corporate Identity. In quel periodo raggiunge i 16 milioni di Euro di fatturato servendo i maggiori clienti del settore, dalle Multinazionali dei gelati e dei surgelati, alle piccole imprese artigiane, all’Ho.Re.Ca. La gamma prodotti si attesta su 130 modelli.

 

Il 2020 è storia nota. La pandemia blocca l’Italia così come il resto del mondo. U5 accusa una flessione nel fatturato, ma tutto sommato regge il colpo e viene convocata al tavolo dei grandi produttori di Casale Capitale del Freddo per dare il proprio contributo alla logistica dei vaccini -86°C.
2021: Le prospettive economiche nel breve e medio termine sono tutt’altro che rosee, tuttavia i “cinque” continuano a lottare per il bene dell’azienda e dei 130 dipendenti. Il catalogo 2021 contempla 15 prodotti nuovi, nella convinzione che quando le attività riprenderanno a pieno ritmo sarà una ripartenza modello anni ‘60.

 

Info: www.ucinque.it