X
Naviga
Giovedì, 23 Maggio 2024

Il network di riferimento per le aziende italiane

Tectubi Raccordi punta sull’idrogeno

L’economia energetica del prossimo futuro prevede una conversione verso soluzioni verdi e sostenibili che abbiano anche l’idrogeno come fattore chiave. L’idrogeno gassoso, infatti, può essere utilizzato sia come vettore di energia, grazie alla sua caratteristica di essere immagazzinato e trasportato molto più facilmente che, ad esempio, l’elettricità in una batteria, sia come accumulatore d’energia. Entrambi gli usi sono di fondamentale importanza per favorire l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile che sono generalmente caratterizzate da una produzione discontinua o non sono allineate con i tempi e i luoghi di utilizzo previsto.

 

I progetti di gasdotti del prossimo futuro nell’Unione Europea saranno favoriti se potranno dimostrare di essere pronti per il trasporto di idrogeno gassoso. In questo contesto, è molto importante conoscere il comportamento del materiale in presenza di idrogeno gassoso ad alta pressione e qualificare i materiali delle tubazioni di linea per servizio con contenuto di idrogeno fino al limite massimo del 100%. In questo contesto Tectubi Raccordi, la principale azienda del Gruppo Allied con una capacità produttiva annua di 70.000 tonnellate su 5 stabilimenti nel Nord Italia e con la lungimiranza che contraddistingue il suo staff dirigenziale, si è dimostrata ancora una volta all’avanguardia nel settore portando avanti la qualifica dei suoi principali prodotti dedicati all’Oil&Gas avvalendosi della collaborazione di un centro di eccellenza a livello internazionale quale è il RINA di Roma. Per l’attività di qualifica sono stati selezionati i principali componenti (pezzi a T, curve, ecc. sia saldati che senza saldatura), le principali materie prime (lamiere, tubo), le principali tecniche di fabbricazione (formatura a caldo, a freddo, ecc.).

 

Le prove di qualifica sono state condotte in accordo alle principali normative di riferimento (ASME B31.12, ASTM E 1681, ecc.) focalizzandosi principalmente sulla tenacità dei materiali (KIH) in presenza di alte pressioni (100 bar) e con concentrazione al 100% di idrogeno. Le prove eseguite presso i laboratori del RINA e caratterizzate da una durata di più di 1.000 ore per ogni singolo test, hanno mostrato l’idoneità di tutti i materiali provati per il servizio a idrogeno. La qualifica è stata condivisa con utilizzatori finali leader del settore Oil&Gas. Tectubi Raccordi con i suoi 70 anni di storia, internazionalmente ai vertici sia nel nucleare che in tutti i diversi settori energetici, si prepara quindi a essere leader anche nel trasporto dell’idrogeno contribuendo così a quella transizione energetica preludio di un nuovo sistema economico, culturale e sociale che rispetti i criteri di sostenibilità ambientale.

 

Info: www.tectubiraccordi.com

Al Festival dell’Economia di Trento 2024 si fa il punto della situazione sulle sfide economiche e sociali del nostro tempo

Obiettivo Net Zero: un traguardo raggiungibile. Il mondo delle imprese investe in soluzioni e processi “green”

Transpotec Logitec & Next Mobility Exhibition: la logistica e il trasporto, in Italia, raddoppiano

Salone del Mobile.Milano 2024: sostenibilità e integrazione tecnologica al centro delle nuove tendenze del design

Privacy Policy