X
Naviga
Lunedì, 22 Aprile 2024

Il network di riferimento per le aziende italiane

Rocca Toscana Formaggi: il “mangiare bene” tra la tradizione casearia e l’innovazione

La tradizione millenaria dell’arte casearia reinterpretata in una chiave contemporanea tra nuovi sapori e nuovi abbinamenti. Questa è l’anima di Rocca Toscana Formaggi, con una produzione a filiera corta e controllata per proporre un catalogo variegato di formaggi di alta qualità, gustosi e pronti a soddisfare ogni palato. Ne parliamo con Giancarlo Canti, amministratore dell’azienda. Perché producete formaggi? «Vogliamo mangiare e far mangiare bene, trovando gioia. Uniamo passione e competenza per proporre tante varietà: I Classici per rievocare la tradizione, Gli Affinati per stagionare come si faceva una volta, Gli Aromatizzati dove il latte si unisce a materie prime inusuali per il settore caseario. Produciamo anche I Biologici a testimonianza dell’attenzione per l’ambiente». Qual è il segreto della produzione? «La cura nella scelta delle materie prime e in ogni fase del processo, compiuto con modalità artigianali dai nostri mastri casari. Un altro segreto è la stagionatura condotta anche in luoghi particolari quali grotte o fosse arenarie che definiscono le caratteristiche organolettiche, olfattive e gustative, fornendo a ogni forma un sapore unico». Dove troviamo i vostri formaggi? «In Italia e all’estero da chi ricerca la qualità e anche on-line. Tra i nostri prodotti si trovano anche i formaggi premiati ai World Cheese Awards 2022, tra cui l’Ambra di Talamello che è rientrato tra i migliori quindici al mondo. Hanno meritato medaglie anche il Pecorino Toscano Dop Stagionato, Il Tesoro con scorze di arancia e Il Piacere con tartufo». Info: www.roccatoscanaformaggi.com

Transpotec Logitec & Next Mobility Exhibition: la logistica e il trasporto, in Italia, raddoppiano

Salone del Mobile.Milano 2024: sostenibilità e integrazione tecnologica al centro delle nuove tendenze del design

KEY – The Energy Transition Expo 2024: l’energia pulita ed efficiente come driver per il progresso in chiave “green”

Industria 5.0: l’uomo al centro. La quinta rivoluzione industriale riporta il focus della produttività sulla persona

Privacy Policy