X
Naviga
Martedì, 25 Giugno 2024

Il network di riferimento per le aziende italiane

Cartotecnica San Michele: da cinquant’anni al vertice nel settore cartotecnico, cresce nel packaging e conferma la fiducia ai macchinari BOBST

Ha da poco festeggiato i 50 anni di attività nel settore cartotecnico, dove è conosciuta come un terzista di grande affidabilità con lavorazioni di qualità, anche grazie a un parco macchine sempre aggiornato e di prim’ordine. Stiamo parlando di Cartotecnica San Michele, che dopo aver inserito in produzione le fustellatrici BOBST, ha scelto di ampliare il proprio reparto di incollatura con una EXPERTFOLD 110 e successivamente con una VISIONFOLD 110.
Come molte aziende della provincia di Verona, nate e sviluppatesi attorno al business indotto da un grande gruppo come Mondadori, anche Cartotecnica San Michele ha avuto un profondo legame con la Casa Editrice lombarda che sul territorio ha un importante centro stampa editoriale.
L’azienda vene fondata infatti nel 1972 da Renzo Pavanello, che era impiegato proprio in Mondadori. Nasce così la Cartotecnica San Michele che, specializzandosi proprio nella cartotecnica per l’editoria, produzione di copertine, inserti fustellati al supporto del prodotto editoriale e per ragazzi, produzione di figurine fustellate con mezzo-taglio, cresce nel corso degli anni, affermandosi come un punto di riferimento non solo per la Mondadori per la quale comunque realizzava gran parte della produzione, ma anche per tutte quelle piccole e medie aziende di stampa che a Cartotecnica San Michele affidavano le operazioni di finishing dei propri stampati.
Oggi il fatturato dell’azienda è suddiviso equamente fra il mondo editoriale e il packaging, nel quale, anche grazie a tecnologie all’avanguardia, la Cartotecnica San Michele ha saputo ampliare le proprie competenze e l’offerta a un mercato sempre più esigente in termini di qualità del prodotto cartotecnico e tempistiche. La qualità in fustellatura è sicuramente un ottimo punto di partenza ma per non vanificare il lavoro svolto è altrettanto importante dotarsi di tecnologie all’avanguardia anche nel reparto incollatura. Ecco dunque che poco prima del Covid la Cartotecnica San Michele decide di investire in una nuova piega-incolla BOBST EXPERTFOLD 110 dotata di tutti gli elementi ausiliari indispensabili per un terzista al fine di garantire il massimo della qualità e della sicurezza in ambito packaging alimentare.
La crescita dei volumi ha convinto Cartotecnica San Michele a inserire di recente una seconda piega-incolla, la VISIONFOLD 110 sempre di BOBST così da poter sfruttare su entrambe le linee tutte quelle periferiche esterne che già erano state acquistate con la EXPERTFOLD. Seppur siamo in presenza di due linee differenti, a parte qualche applicazione particolare, il resto della produzione aziendale può essere gestita con entrambe le macchine. Info: www.cartotecnicasanmichele.it

Safety Expo 2024: sicurezza sul lavoro al centro della crescita sostenibile e responsabile delle imprese

L’Intelligenza Artificiale: il futuro tecnologico è già qui. Sfida e opportunità di crescita per il mondo delle imprese.

Industria 5.0: l’uomo al centro. La quinta rivoluzione industriale riporta il focus della produttività sulla persona

Obiettivo Net Zero: un traguardo raggiungibile. Il mondo delle imprese investe in soluzioni e processi “green”

Privacy Policy