X
Naviga
Giovedì, 29 Febbraio 2024

Il network di riferimento per le aziende italiane

Colavita: da 85 anni, il gusto di avere personalità

L’olio extravergine di oliva che ha conquistato il mondo

 

Nel 1938, a Sant’Elia a Pianisi, un piccolo paesino del Molise, apre il primo frantoio della famiglia Colavita, dando inizio alla storia di un’azienda oggi internazionale. La Colavita, alla fine degli anni ’70, decide di iniziare a produrre olio a proprio marchio e di fare una scelta coraggiosa: prima ancora di aprirsi al mercato locale, inizia a puntare all’estero e ad esportare in Australia, USA e Canada, dove l’olio evo era ancora poco conosciuto e diffuso. Con la crescita del proprio mercato, i fratelli Colavita avvertono la necessità di ampliamento; pertanto, viene acquistata una nuova fabbrica per l’imbottigliamento a Campobasso e successivamente uno stabilimento più grande a Pomezia, in provincia di Roma, attuale casa madre del gruppo, in aggiunta allo stabilimento di Sant’Elia a Pianisi, dove oggi sono realizzati i prodotti più di nicchia e le specialità. Un ulteriore ampliamento avviene nel 2008, quando Colavita acquisisce il proprio distributore americano, diventando così uno dei più importanti importatori e distributori di prodotti italiani negli Stati Uniti. Colavita importa oggi numerosi importanti brand del food italiano, tra cui Perugina, Rio Mare, Mulino Bianco e San Benedetto. Nel 2018 è stata inaugurata la seconda sede operativa della Colavita in California, a Dixon, per servire in modo più efficiente tutto il territorio americano. Se volessimo racchiudere l’anima di Colavita in un solo concetto, la scelta ricadrebbe senza dubbio su quello di viaggio. Letterale, perché grazie alla sua presenza sui mercati esteri, oggi esporta in più di 70 paesi in tutto il mondo; ma anche metaforico, perché è un’azienda in continuo movimento e con la voglia di mettersi costantemente in gioco. Sono stati proprio i numerosi viaggi intrapresi ad alimentare la conoscenza di numerose culture e a contribuire a una visione open-minded rivolta all’inclusività. È possibile ritrovare tutto questo proprio nelle linee del suo core product: l’olio extra vergine di oliva. Oltre all’iconica Selezione Italiana è infatti presente la Selezione dal Mondo, quattro oli extra vergini di oliva di oli 100% Spagna, Grecia, Portogallo e California. La scelta di racchiudere in bottiglia i profumi e i sapori di diverse terre è profondamente legata alla personalità aziendale. La freschezza e la modernità che contraddistinguono Colavita sono state lo spunto per dare il via a una nuova forma di comunicazione: è nata Olivia, la portavoce del mondo Colavita. Un personaggio in 3D che rispecchia in pieno tutta la personalità dell’azienda: italiana ma internazionale, indipendente, open-minded, inclusiva e divertente. Abbraccia il concetto per cui la famiglia è dove c’è amore. La sua funzione non è quindi solo di intrattenimento, ma di conoscenza e informazione, anche attraverso l’educazione alimentare. L’unica cosa a non cambiare mai, oltre alla qualità dei prodotti, è l’iconica bottiglia Timeless: le sue linee che si ispirano al mondo classico, da sempre punto di riferimento della bellezza estetica, si intrecciano con delicatezza in dettagli semplici e lineari. In questa perfetta fusione di forme, a spiccare è la sua personalità con un collo allungato e una struttura circolare, avvolgente, inclusiva. Timeless rappresenta molto più di una bottiglia: esprime la visione aziendale del mondo, dove a emergere è il carattere e la voglia di essere sé stessi, senza paure né barriere. Una bottiglia che parla di storia, ma anche di modernità e inclusività, racchiudendo perfettamente i valori di un’azienda che resta legata alla propria storia, ma non al passato. La bottiglia è stata anche progettata ex novo in R-PET sostenibile, un materiale riciclato e riciclabile. L’azienda è mossa da un forte interesse verso la sostenibilità: tutti gli stabilimenti sono muniti di pannelli fotovoltaici con lo scopo di garantire l’eccellenza del prodotto ma a basso impatto ambientale. Di fondamentale importanza è anche il rispetto delle economie locali, delle tipicità, delle persone, nonché il programma “Net Carbon Zero” per l’area logistica, sviluppato negli USA e realizzato in collaborazione con Kuehne+Nagel. La famiglia Colavita si è fatta sostenitrice di numerosi progetti a salvaguardia del patrimonio culturale ed enogastronomico italiano all’estero. Nel 2001 è nato il Colavita Center for Italian Food and Wine, un’esclusiva scuola di cucina italiana all’interno della prestigiosa Culinary Institute of America a Hyde Park del New York State. Oltre 6000 chef ogni anno seguono regolarmente i corsi, 1600 sono iscritti ai seminari specializzati e inseriti in una realtà attrezzata per tutte le esigenze educative. Arte, talento, formazione, promozione del Made in Italy: il Colavita Center for Italian Food and Wine è un vanto per il gruppo Colavita, che attraverso l’educazione e la promozione diventa mecenate e ambasciatore della cultura nostrana nel mondo. Anche l’attenzione per lo sport e per il benessere giocano un ruolo fondamentale nell’identità aziendale. Sia il programma di solidarietà Colavita Cares che il ciclismo amatoriale (più di 15 team ciclistici con oltre 600 membri in USA), nonché la sponsorship con squadre e sportivi come la tennista Martina Trevisan e la giocatrice di padel Giorgia Marchetti, incarnano perfettamente i valori del brand. Di strada ne è stata fatta tanta, compresa la creazione di un e-commerce: non solo olio, ma anche aceto, pasta, sottoli e altri prodotti sono resi disponibili con spedizione in tutto il paese. In cantiere ci sono ancora moltissime novità: nuove bottiglie colorate e innovative, destinate anche a diventare collezionabili, e gli special packs. Questa è la storia di un’azienda che non si ferma al passato, ma che investe nel presente con un occhio vigile verso il futuro. Per scoprire tutto il mondo Colavita è possibile visitare il sito colavita.it e seguire i social Facebook @colavitalia, Instagram @colavita_italia e Linkedin @colavita-italia.

KEY – The Energy Transition Expo 2024: l’energia pulita ed efficiente come driver per il progresso in chiave “green”

Industria 5.0: l’uomo al centro. La quinta rivoluzione industriale riporta il focus della produttività sulla persona

Obiettivo Net Zero: un traguardo raggiungibile. Il mondo delle imprese investe in soluzioni e processi “green”

Ecomondo 2023: a Rimini, si fa il punto della situazione sulla transizione ecologica e sull’innovazione sostenibile

Privacy Policy