Layer, energia verde per le isole

Layer Electronics dal 1967 progetta e realizza convertitori elettronici di potenza per i settori dell’Oil&Gas, delle Utility, industriale, militare, delle infrastrutture, esportati in 85 Paesi. Da più di 20 anni, tra le prime in Italia, produce inverter e convertitori per le energie rinnovabili, come solare, mini-eolico, idrogeno verde, idroelettrico, moto ondoso.

Nel panorama della transizione ecologica, Layer Electronics è attualmente capofila del progetto di ricerca “Generazione e distribuzione sostenibile dell’energia nelle isole minori – I-SOLE”, progetto cofinanziato dall’U.E. POR FESR SICILIA 2014-2020 Azione 1.1.5, n. 08000PA90246 – CUP G99J18000540007, presentato insieme a SEA Società Elettrica di Favignana, SOPES, Elettromeccanica di Domenico Mangano e C., STMicroelectronics, Università degli Studi di Palermo, Istituto di Ingegneria del Mare e Istituto di Tecnologie Avanzate per l’Energia del CNR.

L’obiettivo generale del progetto è di sviluppare dispositivi e soluzioni tecniche innovative per le smart grid, a basso costo e di semplice installazione, che consentano la gestione dell’energia con un maggiore sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili (FER), garantendo la sicurezza del sistema elettrico ed una più elevata elasticità della gestione della produzione, dell’accumulo e della richiesta di energia elettrica.

L’attenzione è rivolta in particolare alle realtà delle reti non interconnesse delle isole minori, per le quali il tema della sostenibilità e dello sfruttamento delle FER è di grande interesse ed attualità. Esso rappresenta infatti una grande opportunità in termini sia economici che ambientali (riduzione del costo dell’energia, del consumo di carburante e delle emissioni degli attuali impianti di produzione da gasolio), ma pone diversi problemi di natura tecnica dovuti al maggiore impatto della generazione distribuita sulla stabilità e sicurezza della rete elettrica rispetto ai sistemi interconnessi.

Le innovative soluzioni saranno integrate in tre dimostratori a Ustica, Favignana e Lipari.

A Ustica si realizzeranno un impianto idroelettrico, che consentirà il recupero dell’energia sfruttando il dislivello creato dall’impianto di dissalazione (stesso principio sarà utilizzato anche a Lipari), e un impianto fotovoltaico con accumulo agli ioni di litio da 64 kWp / 60 kWh, connesso alla rete di distribuzione di Ustica ed integrato in una smart grid.

A Favignana si realizzeranno 4 impianti FV con accumulo Li-ion da 2,4 kWp / 9 kWh e 3 impianti di accumulo Li-ion da 23 kWh, integrati in una smart grid, da ubicare nelle cabine secondarie, opportunamente scelte sulla base di un’analisi dei flussi di potenza sulla rete di media tensione. Info: www.layer.it

LEGGI I NOSTRI APPROFONDIMENTI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO

IPACK-IMA: il mondo del packaging si conferma traino dell’economia e terreno di innovazione
Se, per molti settori, i due anni da poco trascorsi si sono rivelati costellati di sfide complesse, il packaging è uno di quei comparti che, pur non senza alcune difficoltà, ha risentito in misura meno pesante delle contingenze. Merito di diversi fattori, a partire dal fatto che quello del packaging è un business trasversale, che […]
Nuova emergenza energetica: l’Italia e l’Europa spingono sulle fonti rinnovabili
Guerra ed energia   Fra le tante conseguenze della drammatica guerra in Ucraina c’è la presa di coscienza, da parte di molti Paesi europei, della necessità di ridurre la propria dipendenza dalle fonti di energia tradizionali, visto che buona parte degli acquisti in tal senso sono effettuati con la Russia, dalla quale l’Europa occidentale si […]
Dal Green Building allo Smart Building, i nuovi trend dell’edilizia sostenibile
  Costruire “verde”: un principio nuovo ma non troppo   “Green Building” è una definizione che è diventata di uso comune in tempi relativamente recenti, ma che ha radici molto più lontane: è fin dagli anni ‘70 – periodo in cui iniziò a diffondersi una nuova sensibilità in merito all’ecologia e all’inquinamento – che si […]