X
Naviga
Giovedì, 13 Giugno 2024

Il network di riferimento per le aziende italiane

Studio E: un approccio olistico, specializzato e multidisciplinare alla protezione da radiazioni

Know-how specifici e multidisciplinarietà: queste le caratteristiche chiave che hanno reso Studio E un punto di riferimento nel settore della radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti. Dal 1980 Studio E di strada ne ha fatta tanta e, da piccola azienda, è oggi un’importante realtà parte del network di Gruppo ECOSafety: «Una sinergia di successo – afferma l’Ing. Giorgio Calenda, Direttore Operativo – che ha permesso a Studio E di avvalersi di infrastrutture e risorse all’avanguardia, e ad ECOSafety di espandere ulteriormente il proprio raggio di servizi». In oltre 40 anni di attività, Studio E ha consolidato una posizione di assoluto rilievo nel proprio campo, «merito di un team altamente specializzato, dalle competenze trasversali, che ci consente un alto grado di efficienza in ogni ambito dov’è richiesta protezione dalle radiazioni, garantendo la sicurezza dei lavoratori dalle minacce alla salute da esse derivanti. Con un approccio multidisciplinare, forniamo consulenze specialistiche in settori cruciali come la sanità, l’industria, la ricerca e i servizi». Sono davvero tanti, infatti, i comparti dov’è necessario cautelarsi dalle radiazioni: «Ad esempio i laser classe 3b e 4, diffusi in campo medico ma anche nell’estetica: il loro impiego richiede la nomina di un Addetto Sicurezza Laser che abbia compiuto un iter formativo idoneo. Studio E è in grado di assistere anche in questo percorso». Info: studioeroma.it

Industria 5.0: l’uomo al centro. La quinta rivoluzione industriale riporta il focus della produttività sulla persona

Obiettivo Net Zero: un traguardo raggiungibile. Il mondo delle imprese investe in soluzioni e processi “green”

Al Festival dell’Economia di Trento 2024 si fa il punto della situazione sulle sfide economiche e sociali del nostro tempo

Transpotec Logitec & Next Mobility Exhibition: la logistica e il trasporto, in Italia, raddoppiano

Privacy Policy