X
Naviga
Giovedì, 8 Dicembre 2022

Il network di riferimento per le aziende italiane

Schiatti Angelo: macchine innovative per il vetro tra tecnologia e sostenibilità

Era il 1950 quando la Schiatti ha prodotto la prima macchina per la lavorazione del vetro: da allora, pur mantenendo l’attenzione al cliente e alle sue esigenze tipica di un’azienda familiare, è notevolmente cresciuta e ha esportato la sua tecnologia in tutto il mondo.
Oggi Schiatti è al servizio di piccole, medie e grandi vetrerie nel settore dell’arredamento, delle costruzioni e del fotovoltaico. Progetta e fornisce una gamma completa di macchinari per il vetro tra cui macchine molatrici rettilinee e bilaterali, smussatrici e raggiatrici, bisellatrici rettilinee, trapani orizzontali a punte contrapposte, trapani verticali, caricatori e scaricatori e linee complete di molatura.

 

La filosofia di Schiatti è scandita, da un lato, dall’attenzione ai reali bisogni dell’interlocutore e al servizio inteso come assistenza proattiva in ogni fase del processo di acquisto, compresa la manutenzione periodica o il revamping. Dall’altro lato, chi si affida a Schiatti sa di poter contare su una tecnologia performante e innovativa, tesa sempre ad una migliore aderenza con la circular economy e l’industria 4.0.

 

Le macchine Schiatti, grazie ai bassi consumi, all’uso di materiali costruttivi riciclabili e all’utilizzo di sistemi di raffreddamento a circuito chiuso, sono un virtuoso esempio di “green machinery”.
Affidabilità, innovazione, servizio, sostenibilità. Questa è Schiatti Angelo.

 

Info: www.schiattiangelosrl.com

PNRR, a che punto siamo? Un bilancio di fine anno sugli obiettivi raggiunti, le misure adottate, i progetti in corso

La refrigerazione verso soluzioni sempre più “green” ed efficienti: novità tecnologiche per uno sviluppo sostenibile

Healthcare 4.0: alla fiera MEDICA, le tecnologie mediche più all’avanguardia per una sanità sempre più efficiente

Ecomondo 2022: la transizione ecologica passa da Rimini. Innovazione e iniziative per un futuro più “green”

Privacy Policy