X
Naviga
Giovedì, 29 Febbraio 2024

Il network di riferimento per le aziende italiane

Comunità energetiche rinnovabili Energit “scommette” con forza sul sole della Sardegna

Un passo decisivo nel segno della piena sostenibilità ambientale in direzione di una metodologia di consumo sempre più responsabile e capace di far conseguire utili risparmi mettendo al bando ogni spreco. Quello che conduce alle Comunità Energetiche Rinnovabili è un virtuoso percorso lungo il quale Energit (azienda sarda del Gruppo Eneron), tra le più longeve società operanti sul mercato libero dell’energia in Italia, cammina con coerente convinzione da tempo. Grazie a questo strumento cittadini, attività commerciali, imprese o enti locali  hanno la possibilità di produrre, consumare e gestire l’energia elettrica da fonti rinnovabili, attraverso uno o più impianti energetici locali (ad esempio un sistema di pannelli fotovoltaici con batterie di accumulo per utilizzare l’energia autoprodotta e immagazzinata anche la sera o di notte). Non ci sono soltanto vantaggi personali per chi, su base volontaria (e fatta sempre salva la possibilità di recesso), aderisce a una Comunità Energetica Rinnovabile. Porsi lungo questo percorso vuol anche dire marciare in direzione di quel progressivo abbandono delle fonti fossili al quale si àncora pure il programma di transizione energetica del nostro Paese. «Da anni puntiamo sulla qualità dell’impatto ecologico – ha commentato il generale manager di Energit, l’ing. Marcello Spano —: ci impegniamo, ad esempio, nella tutela dell’ambiente sostenendo la produzione di energia verde certificata proveniente da fonti rinnovabili sarde». Info: www.energit.it

KEY – The Energy Transition Expo 2024: l’energia pulita ed efficiente come driver per il progresso in chiave “green”

Industria 5.0: l’uomo al centro. La quinta rivoluzione industriale riporta il focus della produttività sulla persona

Obiettivo Net Zero: un traguardo raggiungibile. Il mondo delle imprese investe in soluzioni e processi “green”

Ecomondo 2023: a Rimini, si fa il punto della situazione sulla transizione ecologica e sull’innovazione sostenibile

Privacy Policy