X
Naviga
Giovedì, 9 Febbraio 2023

Il network di riferimento per le aziende italiane

Studio Legale Sanalitro Taddei Associati Payback dispositivi medici: i ricorsi delle imprese

Sono in atto da tempo misure per contenere la spesa pubblica anche per i dispositivi medici. In particolare, nel 2015 è stato introdotto il c.d. payback che pone a carico delle imprese fornitrici una quota consistente dell’eventuale superamento del tetto di spesa regionale. Il payback non è mai stato attuato fino al decreto 6 luglio 2022 che ha certificato lo scostamento per gli anni 2015-2018 e ha individuato la quota a carico delle aziende pari a oltre 2,1 miliardi di euro. Dopo il c.d. decreto Aiuti bis e le successive Linee guida, le Regioni hanno predisposto l’elenco delle aziende tenute al ripiano. «Si tratta – spiega l’Avv. Sanalitro che con lo studio assiste alcune imprese che hanno deciso di ricorrere al Tar – di una misura che, pur perseguendo l’obiettivo di contenere la spesa pubblica, presenta forti criticità sia di forma che di sostanza perché impatta in misura retroattiva e consistente sui bilanci delle imprese che, in buona fede, hanno fornito negli anni dispositivi medici in base a contratti regolarmente approvati dopo apposite gare. È quindi necessaria una sua revisione che tenga conto non solo delle esigenze di risparmio ma anche del legittimo affidamento delle imprese e della loro necessità di non operare in perdita per evitare la crisi del settore e dell’intero sistema della sanità pubblica».
Info: www.st-lex.com

Bonus Pubblicità confermato per il 2023, approfittane subito e inizia a comunicare con Publimedia Group!

Crisi energetica: risparmiare grazie alla transizione digitale. Le potenzialità della tecnologia per un futuro più “green”

PNRR, a che punto siamo? Un bilancio sugli obiettivi raggiunti, le misure adottate, i progetti in fase di realizzazione

Speciale Turismo in Toscana: magie di arte e di gusto, itinerari di incomparabile bellezza attraverso luoghi incantevoli

Privacy Policy