X
Naviga
Domenica, 14 Luglio 2024

Il network di riferimento per le aziende italiane

L’industria della plastica e della gomma per lo sviluppo sostenibile: nuovi percorsi di crescita in chiave eco-compatibile

Dall’uso industriale all’uso edile, passando per l’uso medico fino ai suoi mille impieghi nell’ambito della vita quotidiana, la plastica e la gomma si sono rapidamente imposte come risorse fondamentali, in grado di rivoluzionare moltissimi settori produttivi. L’evoluzione in chiave eco-compatibile del mondo manifatturiero sta trasformando profondamente le logiche della lavorazione e dell’impiego delle materie plastiche, che divengono sempre più “bio”: cioè, conservando l’eccezionale utilità e versatilità proprie del materiale, ne facilitano il recupero, lo smaltimento e il riciclo, dando così un importante contributo a rendere l’intera filiera più pulita e sostenibile.

 

Oggi, infatti, l’attenzione dei governi e del settore privato è concentrata sulla riduzione dell’impatto che la produzione e l’uso della plastica hanno sull’ambiente: le misure adottate includono l’eliminazione graduale di alcune materie plastiche monouso e la definizione di obiettivi specifici sul riciclaggio. l’Unione Europea, ad esempio, mira a riciclare tutti gli imballaggi di plastica entro il 2030.

 

I progressi tecnologici, i cambiamenti normativi e una maggiore consapevolezza dei consumatori stanno guidando lo sviluppo di soluzioni nuove, che proiettano l’industria della plastica nel futuro 4.0: soluzioni che uniscono la praticità e la sicurezza fornite dalle materie plastiche alla sostenibilità alla necessità di rispettare i principi di circolarità dell’economia. Tali cambiamenti sono possibili anche grazie ad aziende virtuose, all’avanguardia, attente alle problematiche della società moderna e dotate del coraggio di sperimentare in chiave “green”. Aziende che con investimenti tecnologici mirati e grazie a know-how altamente specializzati sono in grado di far progredire l’intera industria. Aziende di cui il tessuto imprenditoriale italiano è ricco.

Privacy Policy